Home Sociale

Sociale

NAPOLI – CRESCENZO SEPE AL POLICLINICO INSIEME ALL'ASSOCIAZIONE ARCOBALENO

di Emanuele Vottis - Si è svolta il giorno 11 febbraio 2013 la  XXI Giornata Mondiale del malato  e i volontari dell’associazione subito hanno confermato la loro presenza quando incontrando il Cardinale di Napoli Crescenzo Sepe durante la  35° Giornata Nazionale per la Vita che si è svolta il 3 febbraio scorso in Piazza del Plebiscito - questi li ha fortemente voluti durante il suo incontro all’Ospedale I Policlinico di Napoli. Alle ore 9.30 i volontari dell’associazione vestiti con i loro camici dipinti e tanti sorrisi hanno accolto con tantissimi palloncini colorati il  Cardinale presso il reparto di salute mentale del primo Policlinico del centro storico di Napoli.  Fra i presenti c’erano anche la Primaria del reparto la Dottoressa Galderisi e il  Direttore Sanitario il Professor Corcione che, entusiasti hanno ringraziato Sua Eminenza per aver scelto la struttura del nosocomio per questa giornata particolare.

Leggi tutto...

 

Anche Sant'Anastasia costituisce il Forum del Giovani

Le iscrizioni dureranno fino a fine febbraio

Si è costituito anche a Sant'Anastasia il Forum Comunale dei Giovani, in attuazione delle direttive europee sulla partecipazione dei giovani alla vita politica e sociale locale, recepite dalla Legge Regionale n. 14/2000 e coordinato dal Settore Politiche Giovanili della Regione Campania. Il Forum, recita il documento costitutivo, si pone come obiettivo quello di “contribuire a creare uno spazio per il dibattito e la condivisione di esperienze tra le associazioni giovanili di diversa formazione e natura e le istituzioni, presso le quali svolge un ruolo consultivo e propositivo in tema di Politiche Giovanili”. Il Forum ha dunque come mission quella di impegnarsi per il coinvolgimento dei giovani alla vita sociale, civile e politica, coinvolgendoli nei processi decisionali del Comune, dunque di porre al centro del dibattito politico e dell'iniziativa sociale il valore dei giovani. “Il Forum – dice l’ass. Ciro Castaldo – è come un contenitore vuoto che i giovani potranno e dovranno riempire con le loro aspettative, idee, progetti, proposte nell’ambito di uno spazio di incontro permanente tra i giovani, le aggregazioni giovanili e l'Amministrazione comunale”.

Lo statuto, sviluppato dal Tenente Antonio Carotenuto, è stato approvato ieri in Consiglio Comunale. I giovani, compresi tra i 15 e 33 anni, potranno presentare l'iscrizione al Forum entro fine febbraio. La modulistica potrà essere scaricata sul sito del comune o ritirata presso l’Ufficio di Staff del Comune di Sant’Anastasia, operativo dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 13.00; martedì e giovedì dalle ore 16.00 alle ore 18.00.

Il regolamento prevede che la prima convocazione eleggerà il direttivo del Forum, e gli altri organismi esecutivi. Aderiscono al Forum associazioni studentesche, giovanili di partito, associazioni giovanili di categorie professionali e sindacali, associazioni impegnate nell'educazione non formale, associazioni di diverse fedi religiose, Forum regionali, associazioni sportive, e tante altre, con l'obiettivo di contribuire a promuovere iniziative concertate in materia di politiche giovanili, nella consapevolezza che la crescita personale e l'integrazione delle nuove generazioni rappresentano nei fatti le sfide decisive per garantire la qualità sociale e la democrazia nel nostro Paese.

Nel segno del percorso intrapreso – scrive il sindaco Carmine Esposito nella lettera indirizzata ai giovani - abbiamo fortemente voluto l’istituzionalizzazione del Forum Giovanile, al fine di garantire, ai giovani della nostra Comunità, uno strumento di crescita e confronto, finalizzato ad aumentare il grado di attenzione verso le problematiche che attanagliano il nostro territorio, in particolar modo per i temi che attengono alle politiche giovanili. Un modo, più di ogni altro, per coinvolgere e sensibilizzare il mondo giovanile ad essere protagonista delle decisioni che lo riguardano e non più spettatore passivo, lontano e distratto”.

 

Afragola, Legambiente e Coldiretti "lanciano" il mercatino biologico

Campagna Amica è il progetto di Coldiretti che fa incontrare gli interessi di
cittadini, consumatori, produttori attorno ai temi della qualità dei consumi e
degli stili di vita, dell'ambiente e del territorio.
Alimentazione, energia, smaltimento rifiuti, diritti sociali, innovazione
tecnologica sono argomenti che trovano nella valorizzazione della campagna e
dello sviluppo rurale un elemento di grande rilevanza strategica per tutto il
Paese.
Campagna Amica è il motore di aggregazione delle diverse istanze che già
intervengono su questi temi, produce informazione e servizi alla persona, alle
associazioni, ai cittadini, ai consumatori e ai produttori agricoli.
Campagna Amica, con il suo progetto:
•       promuove le eccellenze che caratterizzano la proposta agrituristica e la
tipicità dei prodotti agricoli;
•       promuove i punti di eccellenza della filiera agroalimentare;
•       valorizza e fa conoscere i prodotti tipici del nostro territorio;
•       diffonde una corretta educazione alimentare e contribuisce agli stili di
vita, di produzione e di consumo della nostra società;
•       promuove la nostra cultura enogastronomia e agroalimentare;
•       divulga la conoscenza dei nostri territori;
•       valorizza stili di vita più compatibili con le esigenze del nostro
ecosistema;
•       avvia e sostiene campagne per la difesa dell’ambiente;
•       contribuisce allo sviluppo di energie rinnovabili;
•       monitora prezzi, stili di vita e abitudini alimentari;
•       produce strumenti di conoscenza e informazione per una corretta educazione
alimentare e per promuovere stili di vita virtuosi nei confronti dell'ambiente
e dei consumi.
Per raggiungere questi obiettivi, nel 2008, Coldiretti ha promosso la nascita
della Fondazione Campagna Amica che conta già oltre 1 milione e 200 mila
aderenti.
Con Coldiretti, Fondazione Campagna Amica ha promosso il progetto di "una
filiera agricola tutta italiana" firmata dagli agricoltori.
L’obiettivo è offrire,  nel segno della distintività della produzione agricola
Made in Italy, della riconoscibilità dell’offerta firmata dagli agricoltori e
dell’organizzazione dei soggetti che partecipano al progetto, il prodotto
agricolo “cento per cento italiano” firmato dagli agricoltori attraverso la
piu' estesa rete commerciale nazionale che coinvolge duemila “mercati di
campagna amica”  e duemila punti di vendita delle cooperative, mille dei
consorzi agrari, cinquemila agriturismi e diecimila aziende agricole,
coinvolgendo anche la rete della ristorazione a chilometri zero e la
distribuzione che intende partecipare.
IL mercatino di Campagna Amica sarà con Legambiente Afragola, presso la sede
dell’associazione sabato 8, 15 e 22 dicembre 2012 dalle 9 alle 18 in via
Berlinguer Ikea – Leroy Merlin presso la struttura sportiva delle associazioni
locali.

Le iniziative verranno attivate sul territorio e sviluppate per tre Sabati lungo il mese di Dicembre

Campagna Amica è il progetto di Coldiretti che fa incontrare gli interessi dicittadini, consumatori, produttori attorno ai temi della qualità dei consumi edegli stili di vita, dell'ambiente e del territorio.Alimentazione, energia, smaltimento rifiuti, diritti sociali, innovazionetecnologica sono argomenti che trovano nella valorizzazione della campagna edello sviluppo rurale un elemento di grande rilevanza strategica per tutto ilPaese.Campagna Amica è il motore di aggregazione delle diverse istanze che giàintervengono su questi temi, produce informazione e servizi alla persona, alleassociazioni, ai cittadini, ai consumatori e ai produttori agricoli.
Campagna Amica, con il suo progetto:•       promuove le eccellenze che caratterizzano la proposta agrituristica e latipicità dei prodotti agricoli;•       promuove i punti di eccellenza della filiera agroalimentare;•       valorizza e fa conoscere i prodotti tipici del nostro territorio;•       diffonde una corretta educazione alimentare e contribuisce agli stili divita, di produzione e di consumo della nostra società;•       promuove la nostra cultura enogastronomia e agroalimentare;•       divulga la conoscenza dei nostri territori;•       valorizza stili di vita più compatibili con le esigenze del nostroecosistema;•       avvia e sostiene campagne per la difesa dell’ambiente;•       contribuisce allo sviluppo di energie rinnovabili;•       monitora prezzi, stili di vita e abitudini alimentari;•       produce strumenti di conoscenza e informazione per una corretta educazionealimentare e per promuovere stili di vita virtuosi nei confronti dell'ambientee dei consumi.Per raggiungere questi obiettivi, nel 2008, Coldiretti ha promosso la nascitadella Fondazione Campagna Amica che conta già oltre 1 milione e 200 milaaderenti.
Con Coldiretti, Fondazione Campagna Amica ha promosso il progetto di "unafiliera agricola tutta italiana" firmata dagli agricoltori.L’obiettivo è offrire,  nel segno della distintività della produzione agricolaMade in Italy, della riconoscibilità dell’offerta firmata dagli agricoltori edell’organizzazione dei soggetti che partecipano al progetto, il prodottoagricolo “cento per cento italiano” firmato dagli agricoltori attraverso lapiu' estesa rete commerciale nazionale che coinvolge duemila “mercati dicampagna amica”  e duemila punti di vendita delle cooperative, mille deiconsorzi agrari, cinquemila agriturismi e diecimila aziende agricole,coinvolgendo anche la rete della ristorazione a chilometri zero e ladistribuzione che intende partecipare.IL mercatino di Campagna Amica sarà con Legambiente Afragola, presso la sededell’associazione sabato 8, 15 e 22 dicembre 2012 dalle 9 alle 18 in viaBerlinguer Ikea – Leroy Merlin presso la struttura sportiva delle associazionilocali.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 05 Dicembre 2012 21:01)

Leggi tutto...

 

Nola, l'associazione "La Nuova Nola" impegnata in iniziative sociali

Nola- Continua senza sosta l’attività sociale promossa dai ragazzi dell’associazione “La Nuova
Nola” che dopo i sostegni forniti alla comunità emiliana colpita dal territorio hanno deciso di impegnarsi nella Caritas Diocesana nolana a favore di persone bisognose. Ogni settimana, infatti, i ragazzi si recheranno presso la sede di vico Duomo per un aiuto concreto e per un percorso degno di lode ed ammirazione, collaborando fattivamente allo svolgimento del servizio. Una scelta dettata dal cuore e dal forte senso di responsabilità ai tanti extracomunitari e non che da vent’anni affollano i locali della mensa. “Una scelta spontanea – ha dichiarato il presidente dell’associazione Antonino Cassese: ”Il nostro sarà un impegno costante e duraturo con la speranza che tante altre associazioni possano imitarci. Poter dare una mano a quanti ne hanno bisogno è per noi motivo d’immensa allegria. Pochi mesi fa abbiamo anche inaugurato anche la sede e saremo promotori nelle festività natalizie d’altre attività sociali che a breve illustreremo nel nostro programma.Un impegno a 360’ quindi che non si ferma certo qui- continua il vice-presidente Vincenzo Della Pietra: “Dare una mano alla mensa fraterna è solo una delle tante iniziative che porteremo avanti con gran passione e spirito d’entusiasmo. Un impegno che coinvolgerà un giorno a settimana e porterà a rotazione tutti i membri della suddetta organizzazione a fare volontariato nella propria città. Aiutare chi ne ha bisogno è un nostro dovere che illumina il nostro cammino e rafforza la fede. Ringraziamo a nome del direttivo dell’associazione i ragazzi del tifo organizzato, gli Essepienne, per il loro sostegno e la loro disponibilità”. I ragazzi intanto hanno ottenuto un ringraziamento pubblico unitamente ad altre associazioni da parte dei cittadini emiliani visto l’enorme mole di beni di prima necessità indicati dalla protezione civile romagnola e che sono stati recapitati dagli stessi membri dell’associazione in occasione del terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna.
Nola - Continua senza sosta l’attività sociale promossa dai ragazzi dell’associazione “La Nuova Nola” che dopo i sostegni forniti alla comunità emiliana colpita dal territorio hanno deciso di impegnarsi nella Caritas Diocesana nolana a favore di persone bisognose. Ogni settimana, infatti, i ragazzi si recheranno presso la sede di vico Duomo per un aiuto concreto e per un percorso degno di lode ed ammirazione, collaborando fattivamente allo svolgimento del servizio. Una scelta dettata dal cuore e dal forte senso di responsabilità ai tanti extracomunitari e non che da vent’anni affollano i locali della mensa. “Una scelta spontanea – ha dichiarato il presidente dell’associazione Antonino Cassese: ”Il nostro sarà un impegno costante e duraturo con la speranza che tante altre associazioni possano imitarci. Poter dare una mano a quanti ne hanno bisogno è per noi motivo d’immensa allegria. Pochi mesi fa abbiamo anche inaugurato anche la sede e saremo promotori nelle festività natalizie d’altre attività sociali che a breve illustreremo nel nostro programma.Un impegno a 360’ quindi che non si ferma certo qui- continua il vice-presidente Vincenzo Della Pietra: “Dare una mano alla mensa fraterna è solo una delle tante iniziative che porteremo avanti con gran passione e spirito d’entusiasmo. Un impegno che coinvolgerà un giorno a settimana e porterà a rotazione tutti i membri della suddetta organizzazione a fare volontariato nella propria città.

Leggi tutto...

 

27-29 novembre: 7 Organizzazioni Europee Cooperano a Logroño (Spagna) Per Promuovere La Formazione Per gli Adulti E L’inclusione Sociale

Da martedì 27 Novembre a giovedì 29 Novembre a Logroño, in Spagna, si svolge il primo incontro per il progetto EPAEMSI (European partnership on Adult Education and Mobility for Social Inclusion).

L’iniziativa è finanziata dalla Comissione Europea, attraverso il programma Lifelong Learning a sostegno dell'istruzione e la formazione permanente, informale e non formale e include 7 partners: Italia, Spagna, Malta, Romania, Polonia, Slovenia e Regno Unito.
Sono informali tutti quei processi per mezzo dei quali si originano nell'individuo fenomeni educativi. La famiglia, le conoscenze, i mass media, il contesto sociale e culturale, sono variabili importanti di questo aspetto dell'educazione. Sono considerate non-formali tutte le attività educative organizzate da enti o associazioni che possono rilasciare certificati di frequenza ma non titoli o qualifiche di studio formalmente riconosciute.

Leggi tutto...

 

Benessere Psicologico ad Afragola

Per il secondo anno consecutivo Afragola aderisce all’iniziativa dell’Ordine degli Psicologi della Campania: Settimana per il Benessere Psicologico in Campania che si svolgerà dal 19 al 24 Novembre 2012. L’iniziativa prevede la possibilità di partecipare a seminari, incontri, gruppi esperienziali, ed offre anche l’opportunità a tutti i cittadini, di prenotare una consulenza GRATUITA presso i professionisti che aderiscono a tale iniziativa. L’intento è quello di promulgare il concetto di benessere, non inteso come assenza di malattia, quanto piuttosto come “lo stato emotivo, mentale, fisico, sociale e spirituale che consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società”, come si legge nel rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 19 Novembre 2012 10:23)

Leggi tutto...

 

Caserta: in piazza i volontari con il cuore

La Fondazione “aiutare i bambini” cerca volontari per raccogliere fondi a favore dei bambini cardiopatici nel fine settimana dell’1 e 2 dicembre. A Caserta corso gratuito di formazione il 10 novembre presso la Sede della Curia Vescovile in Piazza Duomo 10.


Il volontariato si fa con il cuore. Ancora di più se serve a salvare la vita di tanti bambini nati in un Paese povero che il cuore ce l’hanno malato, dalla nascita. E se l’impegno richiesto è concentrato in un solo fine settimana.

La Fondazione “aiutare i bambini”, attiva da 12 anni con progetti di aiuto all’infanzia nel mondo e in Italia, chiama tutti a raccolta per l’ottava edizione di “Babbo natale per un giorno”. Aderire all’appello è semplice: basta dare la propria disponibilità a scendere in piazza come volontari sabato 1 e domenica 2 dicembre nelle vie della propria città, con in testa un simpatico cappello rosso da Babbo Natale, simbolo dell’evento, e tanta voglia di chiedere un piccolo gesto di solidarietà. Grazie ai fondi raccolti la Fondazione potrà continuare a organizzare missioni all’estero per operare i bambini cardiopatici, oppure a portarli in Italia per intervenire presso alcuni ospedali convenzionati. Nel corso del 2012 la Fondazione è intervenuta nei seguenti Paesi: Kazakistan, Uzbekistan, Eritrea, Camerun, Zimbabwe, Sudan, Kosovo, Albania e Cambogia.

“I volontari – racconta Goffredo Modena, Presidente di “aiutare i bambini” – sono l’anima della nostra Fondazione e in occasione del nostro evento prenatalizio sono ogni anno più di 1.000 a partecipare. Certo non è facile chiedere alla gente una donazione, specie in questo periodo di difficoltà economiche. Ma noi lo facciamo per un’ottima causa: le operazioni salva-vita che sosteniamo possono ridare speranza e un futuro a tanti bambini e alle loro famiglie”.

Dal 2005 attraverso il progetto “Cuore di bimbi”, la Fondazione ha già salvato più di 620 bambini attraverso un intervento di cardiochirurgia pediatrica. Per ricordare che i fondi raccolti serviranno a proseguire in questa importante opera, i volontari daranno in cambio di una donazione un addobbo per l’albero natalizio, proprio a forma di cuore.

Leggi tutto...

 

A Casalnuovo chi deturpa è cittadino modello: è polemica tra l'amministrazione e cittadini attivi

Diverse associazioni internvengono in difesa dei monumenti cittadini mettendosi attivamente a contrastare illegalità e profanazione dei beni pubblici

di Armando Brianese - Con guanti, pennelli, spazzole e diluenti alla mano, alcuni volontari si sono recati una settimana fa presso piazza San Marco per ripulire da diverse scritte offensive il monumento dedicato a papa Giovanni Paolo II, inaugurato nel 2007. Lo scultore Domenico Sepe, indignato dallo stato in cui era stata ridotta la sua stessa opera dai vandali, si è recato sul posto insieme a Giuseppe Crispo e Antonio Castiello, rispettivamente presidente e componente dell’associazione no profit “Artigiani Casalnovo”. Per riportare la statua al suo splendore iniziale ci sono volute diverse ore di duro lavoro: i volontari hanno prima cancellato le scritte e poi hanno lucidato il monumento utilizzando appositi diluenti. “I giovani devono imparare ad avere rispetto per le proprie origini e tradizioni – hanno commentato i volontari – il nostro gesto è un puro esempio di cittadinanza attiva”.

A CASALNUOVO CHI DETURPA E’ CITTADINO MODELLO - A questo punto avviene l'incredibile. L'autore dell'opera d'arte e della successiva pulizia  viene contattato dall'amministrazine di Casalnuovo intenzionata a denunciarlo per aver ripulito senza autorizzazione e a spese proprie l'opera. Insomma un paradosso. Invece di essere sostenuti e apprezzati per questa azione meritoria questi artisti e volontari corrono il rischio di essere denunciati per aver pulito a proprie spese un’ opera realizzata da loro stessi. Chi invece ha deturpato la statua può dormire sonni tranquilli. Ci aspettiamo anche che il Sindaco chieda agli autori della pulizia di rideturpare la statua. In questo modo si allontanano non solo i cittadini dalle istituzioni ma anche dall'impegno civile e dal volontariato. Ieri mattina in seguito ad un comunicato stampa distribuito dal comune di Casalnuovo e raccolto da alcuni media locali e regionali scatta la protesta dei cittadini che insieme allo scultore Domenico Sepe a Giuseppe Crispo si sono raccolti davanti al monumento per denunciare la propria indignazione. Il gruppo di persone è stato raggiunto da diversi giornalisti alla presenza anche del coordinatore regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e a Massimo Pelliccia dell'associazione Oblò.

Leggi tutto...

 

Diana e Pavel imprigionati per 5 anni dalla mamma

Ad avvertire i servizi sociali la nonna dei due bimbi. La madre voleva vivere la sua vita e li aveva inchiodati nella propria stanza.

Come riportato dal sito express-news.it due bambini, tra cui un bambino di sei anni, hanno trascorso cinque anni della loro vita imprigionati in una maleodorante cameretta, nella città meridionale russa di Rostov sul Don. La madre li ha rinchiusi all’interno in modo che non la disturbassero. La donna ha detto che non voleva che la propria vita fosse disturbata dai figli, identificati come Diana e Pavel.“La condizione dei bambini era semplicemente orribile. Erano al buio e non potevano né camminare né parlare. Il ragazzo, che ha sei anni, non riesce nemmeno a distinguere i colori. Le loro personalità sono totalmente degradate Irina, la madre dei bambini, aveva inchiodato la porta della stanza con delle assi di legno, cinque anni fa. Ha poi appeso un panno ruvido sopra la finestra. Voleva vivere la sua vita, ha raccontato agli inquirenti.

Ultimo aggiornamento (Domenica 12 Agosto 2012 07:22)

Leggi tutto...

 

ANTROPOS, EMOTIVA-MENTE CON GLI ADOLESCENTI

"Quando i professionisti si trasformano in interlocutori per i ragazzi che vivono la delicata tappa dell'adolescenza".

di Enza Angela Massaro - Quando si parla di progetti scolastici, spesso si trascura l'ipotesi di coinvolgere degli esperti in ambito psicologico per incrementare l'apprendimento degli studenti e sviluppare un sano rapporto di crescita con se stessi e la collettività. Spesso, i professionisti si trasformano in ottimi interlocutori per i ragazzi che vivono la delicata tappa dell'adolescenza. Ciò è accaduto alla scuola media statale “Massimo Stanzione”di Frattamaggiore, dove il centro Antropos ha realizzato un importante progetto ben accolto dalla professoressa Luisa Falco, dirigente scolastico, che segue attivamente gli alunni dell'istituto ed è molto sensibile alle problematiche adolescenziali. Il Centro Antropos, opera a Cardito ed è gestito dallo psichiatra e psicoterapeuta Biagio Daniele.

Dottore, ci parli del progetto, dei suoi obiettivi:
Il progetto“EmotivaMente”è mirato all'educazione emotiva dell'alunno in relazione e al sostegno della funzione genitoriale. L'obiettivo maggiore è quello di sviluppare un intervento sinergico sul sistema “famiglia” attraverso interventi complementari diretti all'alunno adolescente, ai genitori ed ai docenti.

Leggi tutto...

 

nano-tv