Home Scuola

Scuola

TAGLI ALL'UNIVERSITA'. SI SALVANO PERUGIA E TERNI, ASSISI RISCHIA GROSSO.

di Antonello Palazzo

 

Gli atenei di Perugia e Terni sono salvi; quello di Assisi forse sacrificato. È questo l'effetto dei tagli previsti dallo Studium perugino che ha ridimensionato facoltà e dipartimenti. Dall'anno prossimo, infatti, l'Ateneo si costituirà di 6 poli, che andranno a sostituire le attuali 11 facoltà; i dipartimenti saranno 17 al posto degli attuali 29. La sede di Assisi è rimasta fuori dal piano di ridimensionamento e la sede della Facoltà di Economia de Turismo dovrebbe chiudere a causa della non conformità della pianta organica dei docenti rispetto agli iscritti ai corsi di Economia a Santa Maria degli Angeli. La sede di Terni, per questa volta, si salverà: Ingegneria attiverà due corsi triennali, uno di Ingegneria gestionale ed uno di Ingegneria industriale. Sarà attivato anche il corso di laurea magistrale in Ingegneria industriale, di cinque anni.  I tagli all' ateneo umbro si inseriscono in un più ampio panorama di ridimensionamento degli istituti di cultura e di formazione richiesto dal governo nazionale. Contro la possibile chiusura del polo universitario della città di Assisi si è levato un coro di solidarietà, gli studenti sono scesi in piazza ed alla loro protesta ha aderito anche Formazioneturismo.com.

Ultimo aggiornamento (Sabato 19 Giugno 2010 20:01)

Leggi tutto...

 

2° Circolo Afragola Bando Genitori azione F1

Ultimo aggiornamento (Martedì 28 Settembre 2010 04:52)

Leggi tutto...

 

Made in Umbria: tirocini per i giovani sui mestieri tradizionali regionali

E' stato presentato ieri mattina in Provincia di Perugia il progetto europeo Cairocs (competenze per l'apprendimento intergenerazionale, reti operative per la coesione sociale) patrocinato dall'assessore alla Formazione e al Lavoro Giuliano Granocchia. Obiettivo, mantenere in vita quelle sacche di made in Umbria, di nicchia ma di grande pregio economico. Tramandare quel sapere di arte e mestieri che possono diventare una speranza occupazionale solida per i giovani. Al progetto partecipano importanti associazioni europee, tra cui Tucep.  "Per far vivere questi mestieri -ha spiegato il presidente della Tucep Paolo Carbone- e' necessario uno spirito di emulazione dal maestro all'allievo. Un passaggio di conoscenze fatte di gesti, d'esperienza e di dimostrazioni pratiche che devono essere tramandate tramite uno scambio intergenerazionale tra adulti e giovani.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 30 Aprile 2010 05:16)

Leggi tutto...

 

LA PEDAGOGIA DELLA SPERANZA

di Stefania Guarracino
Nella nostra società, la scuola ha spesso l'impressione di essere scavalcata dalla cosiddetta scuola parallela, ossia dai media e soprattutto dalla televisione. E' come se essa fosse sulla difensiva passiva spettatrice del crollo della cultura scolastica, che la costringe a rinunciare alla vecchia concezione dell'istruzione pubblica, e si sentisse invasa da una cultura giovanile cui gli insegnanti sono estranei, soprattutto quando, provenendo per lo più dalla classe media, devono confrontarsi con giovani appartenenti a un sottoproletariato che spesso è di origine straniera. Uscire da questa situazione entropica significa recuperare l'azione della scuola non verso la società, a cui è stata sempre in subordine, nel bene e nel male, ma verso la persona: divenire la "scuola della persona".

Ultimo aggiornamento (Martedì 20 Aprile 2010 07:41)

Leggi tutto...

 

Il nuovo sistema scolastico: ecco una sintesi

di Carmela Mascolo

La riforma degli ordinamenti dei Licei e degli istituti tecnici entrerà in vigore nell'anno scolastico prossimo venturo.
L'obbligo d'istruzione con l'attuazione della riforma, potrà essere assolto anche con la frequenza dei percorsi di istruzione e formazione triennali avviati attraverso la stipula di accordi regionali. Nella scuola secondaria di secondo grado la valutazione dell'apprendimento, sarà espressa dal consiglio di classe, e coloro che non avranno raggiunto la sufficienza, dovranno frequentare corsi di recupero, dopodichè il consiglio formulerà un nuovo giudizio per l'ammissione alla classe successiva. In merito agli esami saranno ammessi solo coloro che avranno conseguito la sufficienza in ogni singola disciplina e in condotta.

Leggi tutto...

 

2° Circolo Afragola Bandi selezioni azione F1 - C1-D1-B7

Programma Operativo Nazionale "Competenze per lo Sviluppo" Annualità 2007/2013: Philo Racconto

Ultimo aggiornamento (Martedì 28 Settembre 2010 04:55)

Leggi tutto...

 

SEMAFORO VERDE PER I PROGETTI PON AL 2° CIRCOLO DI AFRAGOLA

di Cerbone Concetta (facilitatore PON 2 Circolo Afragola)

Il 19 gennaio del 2010 il 2° Circolo didattico di Afragola, diretto dal professor Carmine Caputo, ha avuto l'approvazione per i Programmi Operativi Nazionali, ideati per sostenere l'innovazione e la qualità del sistema scolastico, per colmare il divario con le altre aree territoriali del Paese e dell'Unione Europea. Questo finanziamento comprende quattro AZIONI FSE (Fondo Sociale Europeo):
FSE Azione B7: migliorare le competenze del personale della scuola e dei docenti.
Il progetto "IO CITTADINO NEL MONDO".
Il Progetto ha come finalità di fornire elementi di conoscenza della lingua inglese, riconosciuta come mezzo comunicativo di fondamentale importanza sia nella vita quotidiana che in campo lavorativo.

Leggi tutto...

 

Pubblicata la sostanza della riforma della scuola: in Campania meno scuola e meno lavoro!

"Il compito degli educatori consiste nell'ottenere che l'educando giunga a desiderare di agire precisamente nel modo in cui è necessario agire perché un dato sistema economico , sociale e politico venga conservato...e così l'azione pedagogica appare svuotata di significato e per questo destinata a fallire" R.Tisato

di Giuseppe Costantino

Chi si illudeva sulle reali intenzioni della Gelmini sulla scuola è servito. Dopo gli incontri con i sindacati sono state diffuse le cifre dei tagli ai posti di lavoro nella scuola per il prossimo anno scolastico. Si tratta di 26550 posti di docenti in meno e 14600 non docenti. Significa che con il prossimo 1 settembre in Italia circa quarantamila lavoratori della scuola andranno a farsi benedire con buona pace per l'ottimismo di facciata del governo Berlusconi. Secondo la logica di questo governo altre quarantamila persone che già adesso hanno un lavoro precario, dovranno uscire dal ciclo produttivo ed arrangiarsi perché la scuola, come sostiene la neo mamma Gelmini, non è un ammortizzatore sociale e non può preoccuparsi del destino dei tanti giovani che, dopo anni di duro lavoro e sacrifici personali, avendo scelto di dedicarsi ai processi di apprendimento delle nuove generazioni, si vedono colpiti da provvedimenti tanto ciechi quanto ingiusti.

Leggi tutto...

 

Le nuove responsabilità e prerogative del dirigente scolastico dopo il decreto Brunetta

andisdi Carmela Mascolo

Presso la scuola secondaria di primo grado " G. Verga" diretta dalla dirigente Angela Sellito, in collaborazione con l'Andis (Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici), sezione regionale per la Campania, si è svolto un interessante e quanto mai attuale Convegno dal titolo" Le nuove responsabilità e prerogative del Dirigente scolastico dopo il Decreto legislativo 150/09.
Ad accogliere i dirigenti scolastici di ogni ordine e grado della campania , il presidente nazionale dott: gregorio iannacone, insieme al presidente regionale dott. Paolino Marotta ed al presidente provinciale dott. Mimmo Ciccone.

Ultimo aggiornamento (Sabato 23 Gennaio 2010 16:35)

Leggi tutto...

 

nano-tv