Home Politica UN GIORNO A POMPEI (CON DUE AMICI AMERICANI)

UN GIORNO A POMPEI (CON DUE AMICI AMERICANI)

La visita nel degrado degli scavi raccontata dal consigliere regionale Nicola Caputo “Questa è Pompei!  Questa è la Campania! Che contrasto tra quello che siamo e quello che potremmo essere!”
Il consigliere regionale Nicola Caputo ha visitato con degli amici statunitensi gli Scavi di Pompei. Uno dei monumenti più importanti al mondo ma tenuto nel degrado più assoluto . Attraverso il suo racconto sono confermate tutte le criticità che in questi anni diversi soggetti hanno denunciato e forse emerge anche qualcosa in più. Ad esempio l’inspiegabile, il consigliere la definisce "incivile" disattenzione nei confronti dei visitatori stranieri. Ma ecco il singolare racconto, “Arrivo in auto e due energumeni ( parcheggiatori abusivi) si scaraventano sulla mia auto e poi litigano per contendersi il parcheggio (ovviamente vado altrove). Mi reco in biglietteria. La signora alla cassa precisa che accetta solo cash. Alla mia domanda: come mai? Il Pos è rotto? Risponde: non abbiamo Pos ma se torna tra 2-3 mesi forse lo avremo... Molti turisti sono costretti a fare 2 volte la fila ( lunga) sotto il sole per andare prima a prelevare contanti. Leggo avviso per riduzione del ticket per le persone anziane ma la signora allo sportello mi dice che vale solo per i cittadini europei e non per gli americani (incivile!). Inizia il Tour con l'ausilio di una guida turistica. I miei amici sono entusiasti (nonostante tutto) e si lanciano alla conquista degli scavi..camminiamo molto...Dei circa 150 custodi ne vediamo solo due, seduti rigorosamente all'ombra (me li fa notare, con ironia, la guida). Il sito archeologico che il mondo ci invidia appare trascurato..Si notano erbacce nei viali,mozziconi e lattine un pó ovunque...per non dire della carenza di indicazioni in lingua straniera... e anche in Italiano. Spesso la guida interrompe le descrizioni e rivolgendosi con fare arrogante verso alcuni turisti dice : you are not in my group... Please go away ... ( il territorio è Suo!) Un visitatore mi riconosce e riferisce alla guida che sono Consigliere Regionale. Dopo un pó egli si avvicina e mi dice: dottó amma fà qualcosa per Pompei. Gli dico: tu che sei un operatore, da dove pensi si debba partire? Mi dice :ho un'idea che potrebbe creare migliaia di posti di lavoro con zero investimenti. Gli dico che sono disponibile ad ascoltarlo ed eventualmente a mettere in campo iniziative. Mi gela dicendo: dottó ma p' me che ci sta? ( neopolitan way!) Lo saluto, mi verrà a trovare. Ci dirigiamo verso l'uscita. Facciamo pit-stop nell'unico bar all'interno degli scavi. Le toilettes sono inagibili. Per le donne un solo bagno utilizzabile con almeno 30 persone in fila. Il bagno degli uomini è invece vuoto e dall'odore nauseabondo ne comprendo il motivo. Apro la porta vedo cose indicibili che vi risparmio. Disgustato rinuncio. Sulle scale noto due addetti alle pulizie in divisa che discutono di turni e ferie... alla De Andrè li apostrofo con parole "argute" e cerco il manager il quale mi dice: Conosciamo il problema, la Soprintendenza ha problemi con l'autorizzazione per gli scarichi, noi siamo responsabili solo della manutenzione. Gli rispondo: appunto! Si avvicina il mio amico Joe e gli dice: in USA the police should close immediately this kind of restaurant!! Usciamo, fuori ci sono gli scavi, la storia e la cultura! Questa è Pompei!  Questa è la Campania! Che contrasto tra quello che siamo e quello che potremmo essere! Che contrasto tra quello che abbiamo e quello che potremmo avere!!!”

Ultimo aggiornamento (Lunedì 29 Luglio 2013 08:45)

nano-tv