Home Musica Da Hong Kong con passione

Da Hong Kong con passione

Incontro con i giovani allievi dei Corsi estivi di perfezionamento e di interpretazione musicale di Castel Viscardo provenienti da Hong Kong.

di Cinzia Catalucci

Castel Viscardo (Terni) - Entrando nella sala Sant'Agostino nel bel mezzo di una lezione dei Corsi estivi di perfezionamento e di interpretazione musicale si ha subito l'impressione di entrare in una dimensione densa di esperienza e di coinvolgimento per chi vi partecipa. Nessuno si volta al mio ingresso così mi accomodo in una delle ultime file e assisto per qualche minuto all'esercizio canoro che si sta svolgendo. Due giovani cantanti cinesi, accompagnati dal maestro Riccardo Cambri al piano, si stanno cimentando nel Duetto buffo di due gatti di Rossini e il loro insegnante, il baritono Roberto Abbondanza, spiega loro, in inglese, le sfumature espressive di questo brano mimandole in prima persona con particolare verve. La platea composta dagli altri allievi osserva con attenzione: c'è chi prende appunti, ma c'è anche chi si concede una risata breve e composta dovuta al fatto che questo duetto è effettivamente piuttosto buffo. Dopo una decina di minuti il maestro Cambri mi introduce e posso così accingermi a conoscere meglio questi ragazzi che da Hong Kong vengono in Italia per trascorrere una vacanza studio all'insegna della musica e dello scambio umano e culturale. È Isabel Yi Man Chuan, eccellente soprano e docente dei corsi di Castel Viscardo, a farmi da interprete. I ragazzi che stanno assistendo alla lezione provengono tutti dalla High School di Hong Kong, scuola superiore gestita dall'ordine dei gesuiti. La maggior parte sono studenti, ma sono presenti anche insegnanti che accompagnano i loro allievi e partecipano a loro volta ai corsi di perfezionamento. Chiedo se la High School a cui si riferisce Isabel è una scuola musicale, considerato il livello artistico dei ragazzi, e subito si evidenzia la prima differenza tra la considerazione dell'arte in oriente e in occidente: « La High School di Hong Kong è una normale scuola superiore - precisa Isabel - In oriente i ragazzi studiano la musica, la danza e la pittura durante tutta la loro formazione scolastica. In questo liceo gli allievi suonano in orchestra e studiano gli strumenti sia orientali che occidentali».

Isabel è la principale promotrice di una così consistente partecipazione di ragazzi provenienti dall'oriente: «Questi allievi hanno iniziato con me lo studio del canto lirico e molti di loro vengono a Castel Viscardo già da diversi anni. Sono tutti ragazzi che hanno partecipato a numerosi concorsi e che spesso sono stati premiati, ma qui, grazie a Riccardo (il direttore artistico Riccardo Cambri ndr), hanno la possibilità di esibirsi in concerti e di confrontarsi con il pubblico italiano». Isabel descrive una realtà d'origine in cui il rigore e l'impegno nello studio non corrispondono poi a reali opportunità per l'espressione artistica e musicale a 360 gradi: «Molti di questi ragazzi vorrebbero diventare musicisti, ma non vivono in una realtà paragonabile all'Europa. In Asia è diffusa una mentalità che rende difficile l'attività musicale. È per questo che gli allievi di Hong Kong, oltre a voler imparare il più possibile, desiderano anche sfruttare ciò che apprenderanno per contribuire ad aprire la mentalità orientale creando occasioni di confronto ed espressione artistica anche in patria»

Quando chiedo come si svolge la giornata di un allievo dei corsi di perfezionamento è Pierre a rispondere entusiasta: «La giornata dovrebbe durare 48 ore!». Dice che la giornata è rilassante ma intensa: sveglia alle otto di mattina, vocalizzi, lezioni di canto e di pianoforte in vista delle esibizioni, ma anche momenti di relax come il pranzo cucinato da Maria, la cuoca, che pare sia famigerato tra gli allievi. E se lo stereotipo del cibo italiano un po' ce lo aspettavamo la meraviglia di Vincent di fronte al suo primo cielo stellato dà prova della vastità delle esperienze che questi ragazzi ricorderanno una volta tornati a casa: «A Hong Kong non è possibile vedere le stelle di notte. Le avevo studiate sui libri, ma dopo sedici anni le ho viste per la prima volta proprio qui a Castel Viscardo».

Studio, musica, nuove esperienze e concerti. Gli allievi dei Corsi di perfezionamento e di interpretazione musicale si esibiranno infatti domenica 22 agosto alle ore 17,30 a Castel Viscardo in occasione della cerimonia finale di premiazione e domenica 29 agosto alle ore 21,15 a Bolsena presso il Piccolo Teatro Cavour.

nano-tv