Home Musica

Musica

Enzo Campagnoli al fianco di Gerry Scotti in " Io Canto"

di Carmela Fiorentino
Enzo Campagnoli è a "Io canto" la trasmissione condotta da Gerry Scotti, e in onda tutti i venerdì dal 14 settembre su Canale 5. Come già nella scorsa edizione fa parte dell'orchestra come percussionista, ma ha curato anche tutti gli arrangiamenti. " E' un'immensa emozione lavorare a contatto con questi ragazzi - prodigio, ricchi di spontaneità e talento" afferma Enzo Campagnoli. Arrangiatore, polistrumentista, direttore d'orchestra, Enzo Campagnoli calca i palchi dei più seguiti talent show grazie alla sua lunga collaborazione con il Maestro Peppe Vessicchio. E' stato riconfermato come musicista ad "Amici", ad "Italia' s got talent" e nel prossimo Festival di Sanremo. Dopo il successo di quest'anno della trasmissione "Napoli Prima e dopo" in onda lo scorso luglio su RAI UNO, nella quale Enzo Campagnoli ha diretto l'orchestra Augusto Visco, incassando tra l'altro i complimenti di Lucio Dalla; Pino Moris direttore artistico di "Napoli Prima e dopo" lo ha riaffermato come direttore d'orchestra nella prossima edizione.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 04 Giugno 2012 16:05)

Leggi tutto...

 

VELVET E FRANCESCA FARIELLO IN CONCERTO GRATUITO

di Marco Trotta

Domani alle ore 21 in Piazza Municipio a Mugnano di Napoli si terrà il live gratuito dei Velvet, band pop-romana . Questo live sarà anche l'occasione per ascoltare dal vivo l'EP "Il serpente" uscito a maggio di quest'anno che precede il Gratest Hits celebrativo dei dieci anni della band. Il loro esordio risale infatti all'estate 2000 con il singolo "Tokyo Eyes" che viene scelto come jingle per uno spot della cocacola. Nel 2001 invece esordiscono invece al Festival di Sanremo nella categoria nuove proposte con il singolo Nascosto dietro un vetro, ma la band raggiunge la notorietà al grande pubblico soltanto pochi mesi dopo con il singolo ironico "Boy Band". Nel 2002 esce il disco "Cose Comuni" che contiene anche una cover di un brano di Edoardo Bennato, Una settimana un giorno, a cui lo stesso Bennato partecipa. Nell'anno successivo la band romana da' una sterzata decisamente più rock al proprio progetto facendo uscire il singolo "Funzioni Primarie", che vince un premio al M.E.I. come miglior video. Oramai la band ha tracciato la sua identità e la partecipazione al suo terzo Festival di Sanremo e l'ennesimo successo del loro ennesimo singolo "Tutto da rifare".  Il passaggio all'etichetta CASASONICA fa si che il loro disco sia registrato tutto tra Roma e Torino ed esce nel 2009 prendendo il titolo "Nella lista delle cattive abitudini", i Velvet danno ancora una dimostrazione di come riescano a muoversi tra più generi con una certa facilità, ormai padroni assoluti delle loro sonorità. Ad aprire il concerto dei Velvet domani sera ci sarà la cantautrice esordiente FRANCESCA FARIELLO, a cui questo giornale già qualche tempo fa dedicò un articolo sottolineando la forte capacità espressive di questa artista che ha dimostrato delle grandi potenzialità musicali.

Ultimo aggiornamento (Martedì 19 Ottobre 2010 15:35)

Leggi tutto...

 

Attualità. L'arte trova spazio: Una porta aperta per i giovani di tutto il mondo

di Roberta Valeriani
Finalmente uno spiraglio, un barlume per tutti, ma soprattutto per i giovani che si accingono ad entrare in un mondo dove la chiave per aprire la porta è spesso ostica da trovare, l'ha creato "Spazio Musica Recording" una nuova e dinamica impresa al servizio di artisti come doppiatori, cantanti, musicisti i quali hanno l'esigenza di produrre materiale discografico di livello professionale. Un luogo dove vengono istituiti corsi specializzati per la preparazione di nuovi talenti da inserire nel mondo dello spettacolo attraverso le frequenti collaborazioni con personaggi già noti. "Spazio Musica Recording" è difatti fornito di studio di registrazione, sala prove, scuola di musica e si occupa di organizzare eventi, animazione, spettacoli anche per piccole feste di compleanno, matrimoni, anniversari, karaoke, balli realizzando avvenimenti nelle principali piazze, discoteche in tutta Italia con la presenza di ospiti vip e personaggi famosi, principalmente in tutta Italia ma anche all'estero. "Siamo un gruppo di esperti del settore - dichiara Daniela Lisi Direttore artistico del centro -

Ultimo aggiornamento (Domenica 26 Settembre 2010 19:21)

Leggi tutto...

 

Jazz un segreto forse concepibile

Tra suoni camuffati Jazzin' In Blue Jeans Quartet

di Rita De angelis

Spesso per ascoltare del buon jazz bisogna ricorrere a radio non da tutti recepibili o a metodi ormai in disuso quali piatti tradizionali di ascolto con dischi in vinile. Li, dove la puntina scende piano, quella che vibra su un vecchio disco che ormai comincia a gracchiare, si possono ascoltare voci che sembrano provenire da un altro mondo o pianeta. Ma talvolta non è così. Ai giorni nostri e precisamente in quel di Livorno, è nata una band dal nome Jazzin'in Blue Jeans Quartet che la musica jazz la suona dal vivo. Si parla di quattro personaggi, il gruppo nasce a Livorno nel 2008, ed è formato da: Anna Rubini vocalist, Max Fantolini, pianoforte, Giulio Boschi contrabbasso e Sergio Consani, batteria. La passione di Anna Rubini per la musica, si riscontra nell'interpretare il jazz in modo particolare, con un timbro della voce di grande bravura ed originalità. Il suo repertorio spazia da pezzi di Sting a Stevie Wonder sino ai classici jazz.

Leggi tutto...

 

Da Hong Kong con passione

Incontro con i giovani allievi dei Corsi estivi di perfezionamento e di interpretazione musicale di Castel Viscardo provenienti da Hong Kong.

di Cinzia Catalucci

Castel Viscardo (Terni) - Entrando nella sala Sant'Agostino nel bel mezzo di una lezione dei Corsi estivi di perfezionamento e di interpretazione musicale si ha subito l'impressione di entrare in una dimensione densa di esperienza e di coinvolgimento per chi vi partecipa. Nessuno si volta al mio ingresso così mi accomodo in una delle ultime file e assisto per qualche minuto all'esercizio canoro che si sta svolgendo. Due giovani cantanti cinesi, accompagnati dal maestro Riccardo Cambri al piano, si stanno cimentando nel Duetto buffo di due gatti di Rossini e il loro insegnante, il baritono Roberto Abbondanza, spiega loro, in inglese, le sfumature espressive di questo brano mimandole in prima persona con particolare verve. La platea composta dagli altri allievi osserva con attenzione: c'è chi prende appunti, ma c'è anche chi si concede una risata breve e composta dovuta al fatto che questo duetto è effettivamente piuttosto buffo. Dopo una decina di minuti il maestro Cambri mi introduce e posso così accingermi a conoscere meglio questi ragazzi che da Hong Kong vengono in Italia per trascorrere una vacanza studio all'insegna della musica e dello scambio umano e culturale.

Leggi tutto...

 

Ambiente. La musica, una lesione? No! Salviamoci il cervello andiamo nel deserto

La fastidiosità dei rumori non dipende solo dall'intensità ma anche dalla ripetitività

di Roberta Valeriani

E' estate ed ora più che mai ci si prodiga nel coccolare i propri vizi. Cantare, suonare la chitarra, il violino o il sax davanti ad un falò o sulla riva del mare mentre si gode lo spettacolo entusiasmante del tramonto e della luna, sua compagna ineluttabile, è un istinto che esplode maggiormente in questo periodo dell'anno anche se, per chi è appassionato di musica, si tratta di un fenomeno costante. Ma qualcuno, che le note non ce le ha dentro se non scordate, non apprezza, ed è così che arrivano le denunce, le liti per disturbo alla quiete pubblica da parte di chi non sa apprezzare l'arte ed il costo della fantasia. Per fortuna ci sono i tecnici che – come dice l'ingegnere industriale Giorgio Prinzi - "danno sempre i numeri", nel senso che, come nel caso del rumore, non si accontentano di giudizi qualitativi quali poco rumoroso, rumoroso, molto rumoroso, ma precisano anche quanto una fonte di suoni, o rumori, lo è rispetto ad una sorgente presa come riferimento unitario.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 16 Agosto 2010 09:09)

Leggi tutto...

 

Agenzia delle Entrate e SIAE effettuano controlli: sotto i riflettori lavoro nero e Licenze DEEJAY

di Teresa Petrellese
"Ci erano stati annunciati e avevamo provveduto ad avvertire che stavano partendo controlli su agibilità a verifiche dell'utilizzo di copie contraffatte di CD e altri supporti per le attività di musicisti e DeeJay da parte della Agenzia delle Entrate e SIAE e puntualmente si stanno verificando" Lo ha detto Mario Di Gioia, presidente nazionale ASSODEEJAY aggiungendo "Da sempre stiamo chiedendo maggiori tutele per i lavoratori dello spettacolo che operano legalmente sanzionando coloro che evadono fisco e contributi contrapponendosi in maniera di sleale concorrenza offrendosi a cachet da fame precludendo possibilità di lavoro a chi professionalmente svolge questa attività. SIAE e Agenzia delle entrate – controlli in Lazio – SIAE e Agenzia delle Entrate sanzioni pesanti a MOVIDA in Veneto" - in conclusione Di Gioia sottolinea:

Ultimo aggiornamento (Venerdì 11 Marzo 2011 19:38)

Leggi tutto...

 

La Radio. Tra le guerre del male, uno strumento che resiste al tempo

di Rita De Angelis
Ci possiamo ritenere fortunati poiché la radio, questo meraviglioso mezzo di comunicazione, è ancora presente più che mai anche ai nostri tempi dove si vive di internet, in uno spazio virtuale, dove per fortuna, o meno, la fantasia emerge. La stessa tv, non è riuscita a soppiantarla con le sue immagini come invece è accaduto nel cinema. La radio ci trasmette musica, di ogni tipo, ha voci che narrano, raccontano notizie, interviste, spot pubblicitari, note che ci tengono compagnia anche quando siamo soli o presi dal pc intenti nel lavoro. La radio ha una lunga vita che non termina ancora e ci insegna cultura anche solo con la voce. Oggi siamo abituati a vedere più che a sentire. Ma cosa ci direbbe per esempio una "velina " se non mostrarci le sue bellezze? Non si sa, se parlando, farebbe audience. La radio non ha bisogno di mostrare, attira l'attenzione del pubblico solo con le parole e la musica. Fu Guglielmo Marconi che nel 1896 (anche se in Russia ancora ne discutono dicono che è loro creazione), iniziò a descrivere le sue idee studiate e, solo successivamente nel 1906, si iniziò a trasmettere un segnale non solo con l'alfabeto Morse ma anche per mezzo della voce.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 06 Agosto 2010 12:45)

Leggi tutto...

 

Uno alla volta: intervista a Barbara Eramo

Da Taranto a Roma senza confini

di Roberta Valeriani

Giovane, estrosa, estroversa e quant'altro, nella follia artistica, la follia dell'immagine della vita lei la esprime a pieno. Barbara Eramo, vincitrice del premio della critica, premio Afi ("Associazione Fonografici Italiani) ed il "Premio Volare"con la canzone "Senza Confini" presentata al festival di Sanremo nel 1998 con Claudio Passavanti, pianista, compositore e arrangiatore, ha carattere forte e debole al contempo, ma la sua voce vibra in ogni persona sensibile come lei. Nata a Taranto ma "sopravvissuta" a Roma da diversi anni, ha inciso vari cd ed un singolo, contenente la canzone " Fa che non sia mai" classificatasi al 2° posto a "Sanremo giovani" facendole acquisire il diritto di partecipazione alla successiva edizione. Dopo l'incisione nel '99 de "L'amore promesso", composta da Luis Bacalov, colonna sonora del film "Milonga" con Giancarlo Giannini, diventa anche protagonista del recital "Il giardino del profeta"nel quale canta arie tradizionali arabe con il gruppo Ols Ensemble. Nella sua interiore voglia di espandersi collabora, essendo tra l'altro coautrice, con Pivio ed Aldo De Scalzi famosi autori di colonne sonore. Tra i suoi variegati impegni, cinema, televisione, jazz vive in un 'aria di tempesta. Ma.....

Dicono che l'istinto sia innato. Tu, da piccola, cantavi?

"Si sempre. Cantavo e mi piaceva fare, anche di nascosto, l'imitatrice delle grandi della musica come Patti Pravo, Alice, Antonella Ruggero e altre".

Ultimo aggiornamento (Venerdì 06 Agosto 2010 12:57)

Leggi tutto...

 

Neapolis Festival XIV edizione

R-evolution brit soul
di Maurizio Cerboneneapolis_2_1304_d

Dall’esordio il festival partenopeo del 1997 propone grandi musicisti internazionali, tra i quali si ricorda uno dei protagonisti assoluti, David Bowie. Riparte, dunque, negli attesi 15 e 16 luglio l’edizione 2010, pronta a combattere il caldo con l’onda sonora rinfrescando così milioni di persone. Stavolta la coda d’ascoltatori è dovuta alla nomea tutta made in U.K. del dj big beat Norman Cook, in arte Fatboy Slim noto per i maggiori singoli-tormentoni estivi come Rockafeller Shank, Praise you e Right Here-Right Now, ed il cappellaio matto Jason Kay leader dei Jamiroquai, maestri nel shakerare ritmi funk, rock , jazz in un acido musicale scoppiettante.
Il cast non si limita ai due inglesi, anzi, ad alimentare la fiamma saranno band ed ex componenti dal corrispettivo valore storico, come il re-live Gang of Four post-punk del decennio ’70 e ‘80 ed il nuovo progetto di Mick Jones (ex chitarrista dei The Clash) e Tony James (ex bassista dei Generation X) nominato Carbon/Silicon nel 2003.
La dancefloor sarà movimentata sia dai dancer punk Does It Offend You Yeah? che dal dj-set di Rob B degli Stereo MC’s.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 01 Giugno 2012 09:34)

Leggi tutto...

 

nano-tv