Home Musica

Musica

BelliTamburi:al via il nuovo cd ‘Astarte’

Si caratterizzano per l’uso di strumenti auto costruiti; una serie di percussioni che vanno da scatole di latta a bidoni mischiati con suoni di sintetizzatori e tastiere dal forte impatto timbrico

di Roberta Valeriani

E’ partito da Astarte, Antonio Nicola Bruno autore dei testi dei ‘BelliTamburi’ per creare il nuovo cd del suo gruppo. Astarte, dal greco Αστάρτη [Astártē] fu una dea venerata nell’area semitica nord- occidentale. Una Venere a cui il compositore si è da sempre ispirato. Interpreti della tradizione lucana più antica e particolarmente abili nella contaminazione tra sonorità passate e moderne, i BelliTamburi si caratterizzano per l’uso di strumenti auto costruiti; una serie di percussioni che vanno da scatole di latta a bidoni mischiati con suoni di sintetizzatori e tastiere dal forte impatto timbrico. Le composizioni originali dell’ensemble di cui musiche e testi originali sono creazioni di Antonio Nicola Bruno, appaiono influenzate dal contesto culturale di Tricarico un paese della Basilicata, famoso proprio per la sua musica. Luogo che riappare spesso nello stile duro e bruciante delle liriche, delle metriche usate e nelle strutture semplici e ossessive ma dotate di melodie e ritmi incalzanti, che profumano delle culture arabe e saracene. Il gruppo è composto da Antonio Bruno che ne è voce autore e compositore, chitarra e basso poi Giorgio Bruno. batteria e percussioni con Tony Panico ai sassofoni, Peppe Rinaldi alle tastiere, Siro Scena al pianoforte.

Leggi tutto...

 

Musica: Odiens, in arrivo il primo videoclip ufficiale della canzone ‘XXIII’

E’ frenetica l’attesa del nuovo singolo, di questo gruppo eclettico. estratto dell’ep “Tema di scandalo al sole” e della loro esibizione live al blackout di Roma in apertura ai Bastard Sons Of Dioniso il 17 dicembre

di Roberta Valeriani

Ascoltati in tutte le radio nazionali ed internazionali, gli “Odiens” nascono nell’autunno del 2010 dalle ceneri di due gruppi precedenti, i “Ballast” e i “Lapsus”. La formazione attuale vede come membri: Flavio De Cinti(Voce),Valerio Piperata (batteria), Daniele De Santis(chitarra),Matteo Mignani(basso) e Alessio Mosè(chitarra). Fra il 2008 e il 2009 suonano praticamente ovunque in Italia, fanno aperture per The Virgins, Orange,TheNiro e alla reunion dei Buzzcocks. Nel 2009 iniziano la collaborazione con Casasonica Management, registrano due brani nei Transeuropa Studios e tre video interviste più un live al Lapsus di Torino. Aprono ai Baustelle in Piazza Castello a Torino nel 2010 insieme a Marracash, Mannarino ed altri in occasione della Festa Nazionale della Liberazione. Come Odiens debuttano live il 14 luglio 2011 in apertura ai ‘Tre Allegri Ragazzi Morti’ e suonano nel mese di ottobre al Circolo degli Artisti. Il primo lavoro discografico è un Ep di cinque tracce, ‘Tema di scandalo al sole’, disponibile per intero su Soundcloud.

Ultimo aggiornamento (Domenica 13 Novembre 2011 10:03)

Leggi tutto...

 

Ascoltare musica ad alto volume tramite le cuffie rende sordi

Secondo i dati dell’UE sarebbero a rischio quasi 10 milioni di persone, adolescenti e giovani soprattutto. Moderarne l’utilizzo e abbassare il volume le uniche soluzioni per evitare danni

di Roberta Valeriani

L’allarme, lanciato ormai da diversi anni, arriva direttamente dall’Unione Europea: 10 milioni di persone sono a rischio sordità per l’utilizzo scorretto di cuffie ed auricolari. Ben il 10% degli utilizzatori che ogni giorno ascoltano musica. Aumenta anche sempre più il numero dei giovani con problemi uditivi pur non avendo mai lavorato in ambienti rumorosi. Come spiega il professor Salvatore Iurato, ordinario di Audiologia presso l’Università degli Studi di Bari: “la perdita uditiva non dipende dalla fonte del suono o rumore che sia, ma dalla loro intensità”. Dunque che si tratti della nona sinfonia di Beethoven o di un jet in partenza poco cambia, è l’intensità del suono a cui ci sottoponiamo il parametro che conta.

Ultimo aggiornamento (Sabato 12 Novembre 2011 10:47)

Leggi tutto...

 

Musica: Nestore Verre e il suo prossimo lavoro

Temi sociali, politici, filosofici ed esistenziali senza trascurare la sfera dei sentimenti

di Roberta Valeriani

Nestore Verre nasce a Cosenza, ma la sua vita la trascorre a Rende, centro storico, come a lui piace precisare. Personalità carismatica e forte, di una forza che ha costruito nel tempo, con le sue esperienze di vita, portando avanti le sue idee, che prendono forma nelle sue canzoni sin da piccolissimo, anche se è solo da adolescente che inizia a scriverle. Affascinato da autori come Blake e Wilde comincia a realizzarle in inglese e la sua musica è talmente armonica da arrivare dritta al cuore, alla mente e alla voce di chi l’ascolta. In seguito scrive soprattutto in italiano, sperimentando sound sempre diversi. Il genere dei brani spazia dal pop al rock fino all’acustico. I suoi testi affrontano temi sociali, politici, filosofici ed esistenziali senza trascurare la sfera dei sentimenti.

Nestore quindi descrive il mondo che vede?

“Si ma anche le esperienze che vivo e i sentimenti che provo e lo faccio in un modo tutto mio.”.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 11 Novembre 2011 16:26)

Leggi tutto...

 

I Mardi Gras lanciano il nuovo cd ‘Among the Streams’

Un omaggio ai Creedence Clearwater Revival

di Roberta Valeriani

Sempre in viaggio tra Roma e Dublino. Si può sintetizzare così la vita artistica di questa formazione italiana con voce irlandese. Sin dai primi demos i Mardi Gras hanno trovato nella scena musicale irlandese un approdo, un flusso di energia che ha dato la spinta per portare oltre i confini nazionali una musica nata a Roma. Si legge Mardi Gras, nome che riporta a New Orleans, al suo Carnevale, e si finisce anche con l’assaporare un omaggio ai Creedence Clearwater Revival e all’ultimo album della loro storia – Mardi Gras, appunto - dopo il quale John Fogerty è diventato un solista. Quindi, a ben vedere, America e Irlanda strette in un abbraccio fraterno, con tutto ciò che questa fusione si porta dietro da sempre. Così What comes what goes, Shine e gli altri titoli diventano un tributo a un’epoca in cui la musica era esigenza, desiderio, passione e voglia di comunicare in modo irruento e vorace. Among the Streams segue il debutto indipendente Drops Made, con la voce di Six sostituita oggi da Claudia McDowell, cantante di sangue irlandese che chiude un cerchio.

Leggi tutto...

 

La vita di Vasco secondo Vasco

Il 24 novembre esce “La versione”

di Roberta Valeriani

Neanche a dirlo, lui stava per mettere online pure il primo capitolo. Tutto intero. Non solo la copertina della sua autobiografia che a ciel sereno lui ha deciso di annunciare, naturalmente su Facebook e naturalmente innescando la solita mitragliata di commenti e ‘mi piace’. Se qualcuno non l’avesse fermato in tempo (potenza della sua portavoce Tania Sachs) Vasco Rossi avrebbe svalvolato tutte le procedure promozionali di qualsiasi libro, immancabilmente costruite con un lento stillicidio di annunci ed esangui anticipazioni. Insomma, gli è venuta voglia di scrivere la storia della propria vita, ovviamente a modo suo quindi non partendo dal solito “sono nato il giorno tal dei tali”. E allora ha srotolato La versione di Vasco, che uscirà il 24 novembre per chiare lettere a prezzo umano (14 euro, ricavato devoluto alla comunità di Don Ciotti) e già prenotabile online. Chi l’ha seguito da vicino, spiega che Vasco ha scritto di getto, con passione, incasellando i suoi quasi sessant’anni in capitoli imprevedibili persino in chi dell’imprevedibilità esistenziale ha fatto un vanto.

Leggi tutto...

 

Biagio Antonacci ammalia il Colosseo

Esce il cd-dvd tratto da un concerto speciale davanti a 600 persone
di Roberta Valeriani

Esce l’album ‘Colosseo’, il primo album dal vivo di Biagio Antonacci, composto da cd-dvd tratto da “Biagio Antonacci Colosseo Concerto per l’Unesco”. Per l’evento del 3 luglio, Biagio ha elaborato un concerto semi-acustico ad hoc nel rispetto del sito Patrimonio dell’Umanità. Suonando e cantando accompagnato da violini, chitarre, percussioni, attorniato dalla scenografia naturale del Colosseo, cui sono stati aggiunti solo pochi giochi di luce. Antonacci ha inserito in scaletta tanti successi da ‘Iris (tra le tue poesie)’ ad ‘Inaspettata’, da ‘Sognami’ a ‘Se fosse per sempre’, da ‘Pazzo di lei’ a ‘Buongiorno Bell’anima’, passando per ‘Se è vero che ci sei’, ‘Vivimi’, ‘Quanto tempo e ancora’, per citarne alcuni, fino all’omaggio musicale, pensato appositamente per questa serata esclusiva, di ‘Amore caro, amore bello’ scritta da Mogol e Battisti e portata al successo da Bruno Lauzi. L’album ‘Colosseo’consentirà a tutti di poter vivere l’evento che ha visto come protagonista lo stesso cantautore - attualmente impegnato in studio di registrazione per la realizzazione del suo nuovo album di inediti la cui pubblicazione è prevista per la primavera del 2012- in un concerto d’eccezione, tenutosi in una cornice unica al mondo e che per la dovuta cautela - che doveva essere garantita al celebre Anfiteatro Flavio - era stato riservato ad un pubblico di soli 600 spettatori. Come l’evento-concerto dello scorso 3 Luglio, l’album sostiene l’istituzione di borse di studio per giovani archeologhe ed archeologi provenienti da Paesi in stato di guerra.

Ultimo aggiornamento (Giovedì 27 Ottobre 2011 16:16)

Leggi tutto...

 

Nasciamo e la musica è già in noi

Esperimento su 18 neonati di pochi giorni: al sentire Bach o Mozart si attiva l’emisfero destro, al sentire note dissonanti l’emisfero sinistro. La ‘sintassi’ della musica sembrerebbe già scritta nei neuroni

di Roberta Valeriani

Prendete un neonato di pochi giorni, fategli ascoltare Mozart o Bach e nel suo cervello si ‘accenderà’ la stessa zona dell’emisfero destro che si attiva in noi adulti già avvezzi alla musica. Alterate gli stessi pezzi degli stessi autori così da creare dissonanza e nel piccolo cervello del bimbo appena nato entrerà in azione l’emisfero sinistro con le zone che ricevono gli impulsi uditivi. E’ la differenza che si evidenzia anche in noi grandi di fronte a melodia, ritmo, oppure rumore. L’esperimento è stato condotto da una neuroscienziata dell’Università San Raffaele di Milano, Daniela Perani, su 18 neonati di 1-3 giorni, con l’avvertenza di sceglierli tra bimbi non esposti a musica durante i mesi nel grembo materno, e impiegando l’innocua risonanza magnetica funzionale per “vedere” le zone cerebrali che via via entravano in attività.

Leggi tutto...

 

Disco Days 2011: a Napoli torna la fiera del disco e della musica

Il vinile in mostra al Palapartenope, il ritorno della cara e vecchia puntina

di Sergio Cimmino

Si svolgera’ l’ 8 e 9  Ottobre 2011 la settima edizione dei "Disco Days 2011", all’interno dello storico Teatro Palapartenope che oramai da molti anni <>gli stands espositivi della manifestazione. Una due giorni dedicata unicamente al suono “antico” ma sempre affascinante del vinile, le sue copertine dai 16 ai 78 giri, che facevano impazzire e fanno ancora innamorare appassionati e collezionisti di ogni genere ed eta’. Come da trazione, ogni anno non manchera’ lo spazio per la memorabilia, oggetti e “reliquie” rigorosamente originali, quest’anno l’area sara’ dedicata al mitico quartetto inglese di Liverpool. Durante e dopo la fiera ci sara’ spazio per concerti e live, saliranno sul palco quest’ anno i 24 Grana a cui verra’ consegnato il “Microsolco” per aver contribuito e realizzato progetti in “vinile”. Per chi vorra’ invece dedicarsi alla fotografia, ci sara’ il concorso fotografico ”DiscoDAYS 2011” aperto a tutti i visitatori della rassegna.

Ultimo aggiornamento (Sabato 08 Ottobre 2011 07:12)

Leggi tutto...

 

Trieste: Lorenzo Jovanotti in concerto il 12 dicembre 2011

di Roberta Valeriani

Sarà la “notte dei desideri”. A grande richiesta Lorenzo Jovanotti ritorna dal vivo in Friuli Venezia Giulia, a più di tre anni dall’ultima apparizione: lunedì 12 dicembre 2011 al PalaTrieste per un evento che si preannuncia sin da subito come uno tra gli appuntamenti più attesi dell’intera stagione musicale, confermando così ulteriormente la regione ai vertici nazionali nell’organizzazione dei grandi concerti. “Ora tour 2011” è senza ombra di dubbio la tournee dell’anno: travolgente, originale, impeccabile per ritmo e scaletta, ma soprattutto entusiasmante a giudicare dalle trionfalistiche reazioni del pubblico e dai numeri dei biglietti venduti che segnano ogni sera il tutto esaurito ovunque. Il nuovo live di Lorenzo è uno spettacolo nello spettacolo, una produzione audio video cui ha lavorato un team di musicisti, videoartisti e ingegneri di scena per tradurre dal vivo l’energia di “Ora”, il nuovo disco, che dal giorno della sua pubblicazione è stabile nelle primissime posizione di tutte le classifiche di vendita e di gradimento.

Leggi tutto...

 

nano-tv