In prima linea a sostegno della mobilitazione l'assessore Farroni

PORTICI - 55 L.S.U. (Lavoratori Socialmente Utili) hanno protestato questa mattina di fronte a Palazzo Santa Lucia, sede della Regione Campania. Il motivo dell'agitazione è il mancato versamento dei fondi ministeriali destinati alla stabilizzazione dei loro contratti di lavoro. A sostenere la protesta l'assessore alle Risorse Umane ed ai Rapporti con i Cittadini di Portici, Fernando Farroni. Lo scorso anno venne stabilizzata la condizione lavorativa dei 55 L.S.U., entrati a far parte dell'Amministrazione Comunale. Secondo l’accordo, il percorso di stabilizzazione andava suddiviso i due fasi: la prima, triennale, prevedeva che il Comune usufruisse del contributo ministeriale di 20. 000 euro annui pro capite, per un totale di 3 milioni e 300 mila euro diviso in tre anni. Alla scadenza del triennio, era previsto l'avvio della seconda fase: con la trasformazione in contratti a tempo indeterminato l'Amministrazione, programmando il fabbisogno di personale, senza fare nuove assunzioni ne’ bandire concorsi, avrebbe gradualmente assorbito nell’organico i dipendenti inserendoli nelle posizioni lavorative resesi disponibili con il turnover pensionistico. Questa seconda fase sarebbe dovuta subentrare alla fine del mese di giugno. Tuttavia la Regione, ad oggi, non ha ancora inoltrato i fondi (1 milione e 100 mila euro) ricevuti appositamente per questa situazione dal governo Monti.