Home Eventi

Eventi

Tempo di Festa della Liberazione

di Antonio Angelino

Giorni di ricordi commoventi, di persone divenute ormai anziane, che conobbero le atrocità del regime, che lo subirono, e che in alcuni casi lo combatterono...resistendo al conformismo spietato di quella maggioranza silenziosa acclamante, o reticente, o irresponsabile, o inerte, che si fece condurre senza troppe lamentele alla sciagura. Giorni di racconti e di memorie, di paragoni inconsistenti e di confronti inopportuni. Giorni di moniti moralistici sul futuro..."perchè i giovani sappiano".
Giorni di revisionismo, arte nobile perchè critica, se praticata in modo empirico e non aprioristico...se un approfondimento non si trasforma in uno scempio della verità.
1945-L'occupazione nazifascista della penisola italiana è agli sgoccioli. Gli alleati dal Sud piano piano sfondano le linee di difesa del Basso Appennino e dell'Alto Appennino di quelle forze militari, economiche e ideali che hanno combattuto contro la libertà e la democrazia, a difesa di un ordine in dissoluzione...alcuni costretti perchè arruolati con la forza...altri visionari...altri ancora li definirei "fatalisti"per quanto si sono dimostrati sprezzanti della capacità umana di scegliere tra il bene e il male (perchè la seconda guerra mondiale ci ha insegnato che esistono sia il bene sia il male).

Leggi tutto...

 

Perugia. Presentate "Le Piazze del bio"

Da domenica 37 stand di produttori biologioci nelle piazze della città
"Le piazza del bio" presentate a Perugia dal direttore regionale dell'agricoltura, Ernesta Maria Ranieri e dai rappresentanti degli enti che aderiscono all'iniziativa: Provincia di Perugia, Unioncamere, Aiab, Icea, Bios, Confagricoltura, Cia, Mipaaf. Domenica prossima 37 stands ospiteranno altrettanti produttori biologici che presenteranno le loro produzioni. L' evento promosso dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali in collaborazione con le Regioni. "Le Piazze del Bio", ha detto il direttore regionale, "rappresenta un momento di incontro tra il mondo agricolo, i consumatori e le istituzioni e si inserisce nel quadro del Programma di azione nazionale per l'agricoltura e i prodotti biologici. Inoltre, la manifestazione nasce dall'esigenza di promuovere comportamenti orientati al consumo consapevole delle produzioni ottenute con il metodo biologico, anche attraverso una corretta informazione dei consumatori". Insieme alle aziende in piazza saranno presenti le istituzioni che illustreranno le loro iniziative.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 14 Aprile 2010 14:50)

Leggi tutto...

 

Semaforo verde per Periferie in Festa 2010

Il giorno 15 aprile 2010 alle ore 11.00 si terrà, nella Sala della Loggia del Maschio Angioino, la conferenza stampa indetta dall'Assessorato al Turismo, Grandi Eventi e Pari Opportunità del Comune di Napoli per la presentazione della rassegna "Periferie in... festa 2010" . La manifestazione giunge alla settima edizione grazie al contributo del Comune di Napoli Assessorato al Turismo, Grandi Eventi e Pari Opportunità, e con il patrocinio del M.I.U.R. Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, della Regione Campania e della Provincia di Napoli. Alla conferenza interverranno, oltre all'assessore V. Valente, il direttore artistico dell'iniziativa Ivo Brienza

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 14 Aprile 2010 07:32)

Leggi tutto...

 

Sławomir Oder a Pompei per la terza edizione del premio Giovanni Paolo II

di Teresa Petrellese
Il postulatore della causa di beatificazione di Giovanni Paolo II ospite nella cittadina mariana per la terza edizione del premio a lui intitolato

Oltre 5mila i partecipanti. 73 i premiati, 11 i premi della presidenza. 4 le categorie (poesia, pittura, scultura, fotografia). 4 gli ospiti d'eccezione alla cerimonia di premiazione: la cantante Annalisa Martinisi, il tenore Enzo Tremante, l'Accademia del balletto classico diretta da Gennaro Carotenuto e soprattutto l'attesissimo monsignore Sławomir Oder, postulatore della causa di beatificazione di Karol Wojtyła. La serata conclusiva della terza edizione, condotta come sempre da Teresa Ciardi, affiancata da Ivana Fusco e Francesco Cicchella, si terrà al teatro Di Costanzo - Mattiello, presso il pontificio istituto Bartolo Longo, sabato 24 aprile.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 11 Marzo 2011 22:17)

Leggi tutto...

 

Tribunali minorili, chiuderanno le sedi distaccate nell'area Nord

ra le tante misure che fanno capo all’ emendamento che regola la manovra fiscale, depositato dal Governo nei giorni scorsi, ve ne è una che riguarda l’organizzazione giudiziaria che sta suscitando non poche polemiche. La famosa misura prevede la delega al governo per la revisione delle circoscrizioni giudiziarie e per la soppressione di alcuni tribunali piccoli che non hanno migliorato il servizio giustizia e che anzi molto spesso sono stati fonti di disservizi per i cittadini. In Campania questo si traduce nella chiusura delle sedi distaccate dei tribunali di Marano, Afragola, Casoria, Frattamaggiore, Pozzuoli, Capri, Ischia e, ciò urta con i propositi del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli che, in merito alla questione, manifesta tutta la sua contrarietà.

In particolare il presidente dell'Ordine, Franco Caia ci tiene a precisare che una tale decisione non può essere presa così d’impeto sulla base di “esigenze di cassa” , ma bisogna anche considerare che la presenza e sopravvivenza delle sedi distaccate nell’ambito del Tribunale di Napoli è ampiamente giustificata dalla sussistenza degli stessi criteri previsti dal legislatore quali carichi di lavoro, bacino di utenza ed una massiccia presenza di criminalità organizzata e non. Inoltre un Ufficio Giudiziario risulta essere per il territorio un volano di sviluppo di attività professionali, commerciali ed economiche, e la soppressione determinerebbe un depauperamento ulteriore in realtà già depresse senza contare che il carico di lavoro non verrebbe a scomparire ma risulterebbe accorpato ad altra sede con ulteriori sovraccarichi, che porterebbero alla comprensibile e prevedibile paralisi della giustizia". Pertanto, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli, confermando di non assumere una posizione preconcetta ad ogni ipotesi di riforma, ancora chiede che il Governo tenga conto dei rilievi formulati e prima di adottare qualsivoglia provvedimento, apra un approfondito confronto con l’avvocatura e con tutti gli operatori del sistema giustizia.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 13 Giugno 2012 12:25)

 

nano-tv