Home Cultura

Cultura

Napoli. Alla Feltrinelli Cento Autori e Bruno Larosa presentano "Magistrati"

domani, lunedì 17 giugno alle ore 18, al  Megastore La Feltrinelli di Napoli, in via Santa Caterina a Chiaia, si terrà la presentazione del libro  “Magistrati!” di Bruno Larosa, edito da Cento Autori.
Insieme all'autore, interverranno: Anna Rossomando - componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati; Aldo Cafiero - penalista; Raffaele Piccirillo - magistrato presso l'Ufficio Massimario della Corte di Cassazione;  Alessandro Barbano - Direttore de "Il Mattino".
L’OPERA - Guido Castiglione è un avvocato penalista in carriera. L’esperienza dei Tribunali e delle Procure lo ha ormai convinto che non ci siano più luoghi di giustizia. La difesa di Ignazio Cirillo, un ex PM assegnato all'Ufficio Ispettivo del Ministero della Giustizia, arrestato dai suoi colleghi lo stesso giorno del suo insediamento, è l’occasione per svelare i torbidi retroscena di un sistema politico-affaristico che coinvolge magistrati, uomini d’affari, giornalisti, banchieri, alti ufficiali delle forze dell'ordine, burocrati di Stato, tale da condizionare ogni scelta politico-amministrativa del Paese. Oltre la storia fatta di intrighi e colpi di scena, restano le gravi contraddizioni di un sistema penale ormai irrimediabilmente compromesso.
L’AUTORE - Bruno Larosa è nato a Locri nel 1959 ed è napoletano d’adozione. Laureato in Giurisprudenza, esercita la professione di avvocato penalista e dal 2001 ha avuto diversi incarichi universitari in diritto e procedura penale presso le Università romane di “La Sapienza” e “Tor Vergata”. È direttore responsabile del periodico “Antilogie” ed ha pubblicato per la Esculapio Editrice, insieme ad altri autori, il testo Elementi di Diritto per le professioni sanitarie, redigendo la parte di Diritto processuale penale.

Ultimo aggiornamento (Domenica 16 Giugno 2013 12:28)

Leggi tutto...

 

Lo strano caso di Caravaggio, raccontato in un libro.

di Fortuna Quaranta -  La profezia di Caravaggio, romanzo di Matt Rees edito da Newton Compton. Roma, 1605. Il giovane e ancora sconosciuto pittore Michelangelo Merisi da Caravaggio è arrivato nella città delle sfarzose cattedrali e dei favolosi palazzi nobiliari per cercare fortuna. Col cappello nero in testa, addosso abiti altrettanto cupi e spesso trasandati, la spada o il pugnale al fianco, l’inclinazione al turpiloquio e alla rissa, frequenta i bassifondi della città, le bettole più sudice e le compagnie più violente, fino a quando gli viene commissionata una straordinaria opera: il ritratto del Papa.

Leggi tutto...

 

Premio Città di Villaricca "Il racconto nel cassetto" semaforo verde per la premiazione della X edizione

Galà di premiazione 24 maggio 2013 ore 20.00 Ristorante Nonna Rosa Corso Europa 534 Villaricca
L’associazione culturale ALI, attraverso il proprio sito internet, ha reso noti i nomi dei 6 scrittori finalisti della X edizione del concorso letterario nazionale “Il racconto nel cassetto – Premio Città di Villaricca“. Nella sezione racconti e romanzi brevi a tema libero si contenderanno la vittoria “Un calcio allo specchio” di Cristiana Cappellini (scrittrice residente a Brescia), “Le nostre scarpe” di Elena De Vecchi (Trieste) e “Black Odissey” di Patrizia Martini (Novara). Per il successo nella sezione fiabe saranno in lizza  “La rivolta delle chiocciole” di Vanes Ferlini (Imola), “Come nacque la pizza margherita” di Marco Raggi (Bergamo) e “Shirikirikiri-Mago Arturo e la sua formula magica” di Carmine Spera (Castellammare di Stabia).

Ultimo aggiornamento (Giovedì 23 Maggio 2013 10:11)

Leggi tutto...

 

“Conoscere Sant’Antimo . Storia di un antico territorio”

di Fortuna Quaranta - Il 18 maggio  nella Chiesa dello Spirito Santo , a Sant’Antimo ,  alla presenza del sindaco Francesco Piemonte , dell’assessore alla cultura e vicesindaco Corrado Chiariello, di Gabriele Capone, responsabile del settore cultura del comune e della Biblioteca e Raffaele Flagiello, storico è stato presentato il libro “ Conoscere Sant’Antimo”  giunto al suo ventunesimo volume  della collana di studi e ricerche storiche sul comune di Sant’Antimo “Atellana”.  Questo libro è strutturato in 14 capitoli dei quali alcuni di essi sono ad opera di Raffale Flagiello che ne ha curato la pubblicazione per conto della Pro-Loco, di cui è presidente. Il libro è stato realizzato dal comune di Sant’Antimo, con la Biblioteca “Mi Libro”, la Pro-loco e la Provincia di Napoli. Nove sono gli autori che hanno collaborato alla realizzazione di questo volume.

Leggi tutto...

 

Afragola. Il sindaco pescatore, all’Accademia della Cultura.

Quando l’esempio fa miracoli. Di questo si parlerà venerdì 17 maggio all’Accademia della Cultura, presieduta dallo scultore Domenico Sepe . Una serata dedicata interamente ai temi della tutela di AMBIENTE e LEGALITA’, attraverso la testimonianza di un uomo che ha dato la sua vita per difendere il suo territorio: un martire di questo nuovo mondo, Angelo Vassallo, Sindaco di Pollica, un piccolissimo comune cilentano della provincia di Salerno, che ha scelto il verbo dell’amore per trasferire la sua memoria al mondo. Un uomo che è ancora così vivo da parlare e sorridere e gioire attraverso i suoi progetti postumi. Il Sindaco pescatore parlerà, venerdì ad Afragola (via Saggese V trav. n. 1), attraverso le pagine del libro, scritte dal fratello Dario, nate dalla necessità di condividere i suoi sforzi protesi nella direzione di una società più civile, ecosostenibile, nella direzione di una vita dedicata.Un professionista Dario, che sente forte e urgente il bisogno di continuare sul solco tracciato da suo fratello e sino ad oggi non più interrotto. E’ cambiato solo il nome di battesimo ma lo spirito è lo stesso. Quando le cose da dire e da fare sono così importanti per la storia dell’uomo, non c’è morte che tenga per poterle bloccare. Sulla scorta di ciò, spinti dall’entusiasmo e dall’adrenalina che si avverte respirando la storia del sindaco pescatore, l’Accademia della cultura rende omaggio all’uomo, alla fondazione (Fondazione Vassallo) e a tutti i progetti in corso e a quelli che certamente nasceranno dopo queste meravigliose presentazioni del libro del fratello

Ultimo aggiornamento (Martedì 14 Maggio 2013 14:47)

Leggi tutto...

 

Sant'Antimo: il Culto e la Tradizione.

di Fortuna Quaranta - Maggio è un mese speciale per gli abitanti di Sant’Antimo, è il mese in cui la comunità vive un momento di forte attaccamento alla fede e potente richiamo religioso. Tutto ciò viene in primis suscitato dalla processione durante la quale , viene trasportata la statua argentea del Santo Patrono.  I festeggiamenti si protraggono per un settimana , durante la quale ci sono manifestazioni tradizionali del paese come “ la Tragedia “ o “ il Volo Degli Angeli” . Inoltre la statua del Santo viene portata in giro per il paese, casa per casa, in modo che la sua benedizione ricada sulle persone . Durante quest’arco di tempo , Sant’Antimo potrebbe essere definita meta del turismo religioso sia per il “ GENIUS loci “ sia anche per la bellezza artistica e culturale. Sono centinaia infatti, i turnisti che si riversano nelle strade di Sant’antimo e che provengono , nella stragrande maggioranza dei casi,  dai paesi limitrofi. Il Santo viene venerato nella cappella di Sant’Antimo sita in Piazza della Repubblica

Leggi tutto...

 

25 Aprile, la nostra festa.

di Fortuna Quaranta -Il 25 aprile in Italia è la Festa della Liberazione, giorno in cui si ricorda l'anniversario della liberazione dal nazifascismo. Durante la seconda guerra mondiale (1939-1945), dopo il 1943, l'Italia si ritrovò divisa in due: al nord Benito Mussolini e i Fascisti avevano costituito la Repubblica Sociale Italiana, vicina ai tedeschi e al Nazismo di Hitler, mentre al sud si formò in opposizione il governo Badoglio, in collaborazione con gli Alleati americani e inglesi. Per combattere il dominio nazifascista si era organizzata la Resistenza, formata dai Partigiani. Questi erano uomini,  donne,  giovani, anziani, preti,  militari, persone di diversi ceti sociali, diverse idee politiche e religiose, ma che avevano in comune la volontà di lottare personalmente,  ognuno con i propri mezzi, per ottenere in patria la democrazia e il rispetto della libertà individuale e l'uguaglianza. Il 25 aprile 1945 i Partigiani, supportati dagli Alleati, entrarono vittoriosi nelle principali città italiane, mettendo fine al tragico periodo di lutti e rovine e dando così il via al processo di liberazione dell'Italia dall'oppressione fascista.

Leggi tutto...

 

"Gli invincibili. Alla conquista del potere", Roma a 360°

di Fortuna Quaranta - "Gli invincibili. Alla conquista del potere", romanzo di Andrea Frediani edito da Newton Compton. inizia una nuova era dopo la morte del più grande condottiero di tutti i tempi. Frediani parte proprio da lì, dalle idi di Marzo del 44 a.C, Giulio Cesare è stato appena ucciso, e subito si è scatenata una lotta feroce e sanguinosa per il potere assoluto, il caos regna in città. Ma sulla scena irrompe il giovanissimo Ottaviano, che Cesare, in modo del tutto imprevedibile, nel testamento ha indicato come erede.

Leggi tutto...

 

La donna dall'Ottocento ai nostri tempi.

di Fortuna Quaranta -È con l’Ottocento che la donna torna alla ribalta, soprattutto nella sua veste di lavoratrice. La sua forza lavoro, mai venuta meno nella storia, solo ora ricomincia ad avere un importante peso sociale in piena società industriale, soprattutto dal punto di vista economico e produttivo in senso stretto. L’individuo femminile comincia faticosamente a farsi riconoscere il diritto ad essere un soggetto sociale lavoratrice e cittadina e quindi a potersi svincolare dal potere dell’uomo, marito o padre.Lavoratrici con le gonne si cominciano a vedere non solo nelle fabbriche ma anche nelle scuole come maestre, nelle corsie degli ospedali soprattutto come ginecologhe conquistando un’indipendenza economica che rompe gli stretti vincoli domestici. Negli Stati Uniti, nel 1840, viene anche sancito il diritto alla libera disponibilità dei guadagni. Le donne cominciano anche a spogliarsi di quegli indumenti fatti di bustini strettissimi e di stecche e indossano abiti fluidi e costumi da bagno, lontani antenati dei bikini. Anche questo è lento progresso verso la parità all’alba del Ventesimo secolo, quando iniziano i primi riconoscimenti dei diritti politici alle donne in Nuova Zelanda (1893), poi negli Usa (1914) e a seguire in tutto il resto del mondo occidentale.

Leggi tutto...

 

ANTONIO VITALE TORNA IN SCENA CON IL MONOLOGO: “CONDANNATO A MORTE”

Dopo il successo come autore e regista dello spettacolo “Huppah” Antonio Vitale torna in scena con l’opera teatrale: “Condannato a Morte”. L’opera originaria, dalla quale è tratto il monologo, “L’ultimo giorno di un condannato a morte” è di Victor Hugo ed il titolo è stato riadattato dall’artista nostrano. Nell’ambito della rassegna small 100/8vi-sionari in comunicazione a cura dell’ Auditorium e del Teatro Augusteo di Napoli, Antonio Vitale torna a calcare il palco del “Caivano Arte”, venerdì 19 aprile ore 21,00, in un’opera teatrale nella quale si evince la bravura recitativa di un grande professionista. Lo spettacolo “Condannato a morte” parla dell’angosciosa e dolorosissima attesa di un uomo che sta per essere privato del suo unico bene, della sua stessa vita. Attesa, che accompagnata da suggestive musiche, si consumerà lenta e inesorabile, al ritmo ossessivo, martellante degli ultimi pensieri e dei deliranti fantasmi di una mente incredula e atterrita.

 

È una denuncia forte alla “pena di morte”, questo bellissimo testo di Victor Hugo. L’uomo, protagonista della vicenda, attraverso le sue profonde riflessioni, vive gli ultimi attimi della sua vita con grande dignità, alternando momenti di lucidità ed altri che rasentano quasi la follia.

“Follia”, dettata dalla condizione in cui si trova.

Paura e consapevolezza del destino ormai segnato dalla morte si intrecciano continuamente e, dove, di tanto in tanto emerge ancora un barlume di speranza per una grazia, che, purtroppo, non arriverà mai. Lo spettacolo sarà replicato anche il giorno successivo, sabato 20 aprile a Caserta, presso “La bottega del teatro” in via Volturno.

Leggi tutto...

 

nano-tv