Home Cronaca Raid esplosivi nella notte ad Afragola

Raid esplosivi nella notte ad Afragola

Gli attentati sono collegati alla nuova camorra afragolese, attiva negli ultimi mesi nel campo delle estorsioni

Una nuova offensiva della camorra delle estorsioni ha scatenato una notte di concitazione tra Afragola e Cardito. Due potenti ordigni artigianali sono stati fatti esplodere a distanza di mezz’ora l’uno dall’altro. Il primo è deflagrato poco dopo le 2.30 davanti al deposito “Di Paolo Carni”, punto vendita di un’azienda afragolese da poco aperto anche a Cardito in corso Italia. L'esplosione, che per fortuna non ha causato alcun ferito, ha danneggiato le lamiere poste sopra al cancello d’ingresso. La seconda bomba è esplosa ad Afragola, in via De Gasperi, circa mezz'ora più tardi. Obiettivo dell'attentato un’agenzia di pompe funebri, la “ fratelli Salamone”. Il titolare dell’azienda, ascoltato dai carabinieri, ha negato qualsiasi collegamento con richieste di estorsione pervenutagli nei mesi scorsi. Gli inquirenti hanno comunque immediatamente collegato gli episodi con la nuova camorra afragolese, che aveva dato via negli ultimi mesi al nuovo corso criminale dispensando altri sei attentati dinamitardi messi a segno tra Afragola, Cardito e Casoria. Si tratta di un gruppo camorristico particolarmente violento e aggressivo, nato con il placet dei Moccia, ma subito interessato da una scissione interna su cui però non ci sono per il momento ulteriori informazioni. Il sindaco di Afragola, Domenico Tuccillo, preoccupato dell'accaduto, ha richiesto un incontro al Prefetto di Napoli, Francesco Antonio Musolino.

nano-tv