Home Cronaca Una fiumana anticamorra invade Arzano

Una fiumana anticamorra invade Arzano

Corteo_Arzanodi Angelo Vozzella - Erano circa duemila stamattina i cittadini e gli studenti in marcia contro la camorra ad Arzano. La manifestazione ha letteralmente invaso la città, con cartelli, striscioni, cori. La maggioranza dei duemila era composta da giovani studenti delle scuole elementari, medie e superiori. "Per non morire di/nell'indifferenza" era lo striscione principale del corteo, lanciato dalle associazioni del territorio per la giornata nazionale contro tutte le mafie e in seguito alle ultime vicende di cronaca che hanno visto tristemente protagonista la propria città. Un altro striscione contro la corruzione e le ecomafie è stato affisso dai manifestanti all'esterno del Comune in Piazza Cimmino, dove si è tenuta una partecipata assemblea sui temi delle ecomafie, della camorra, dell'importanza della cultura e della partecipazione per sconfiggerla. Il corteo, partito dalle palazzine in Via Pecchia, ha sfilato in Via Napoli, Via Galilei, Via Vittorio Emanuele, Via Zanardelli e si è fermato in un minuto di silenzio in via Luigi Rocco, sul luogo dell'uccisione del giovane Vincenzo Ferrante, i cui familiari erano presenti con la loro voglia di giustizia: il loro grido era "mai più vittime innocenti di mafia!". "Vincenzo è vivo, lotta insieme a noi" è stato il coro levatosi proprio nei pressi del Solarium dove Ferrante ha perso la vita per errore dei sicari.20140321_115750 Ampia la soddisfazione degli organizzatori: "Vedere così tanta gente e tanti bambini è stato emozionante", ci spiega Francesco Giampietro del Movimento Vivace, che ha sottolineato gli applausi provenienti da balconi e dai negozi durante tutta la manifestazione. Due anni fa, verso il corteo anticamorra era volato qualche uovo, stavolta solo tanto sostegno, "ciò è un segnale importante e ci fa ben sperare, dandoci ancora più forza in questo percorso che stiamo intraprendendo, per il bene della nostra terra e della giustizia", ha concluso Francesco. Una gironata alla luce del sole, di lotta, di memoria e di impegno, cui faranno seguito la manifestazione nazionale di domani a Latina e un percorso di informazione e di battaglia culturale in città e nelle scuole.   

Ultimo aggiornamento (Venerdì 21 Marzo 2014 14:34)

nano-tv