Home Ambiente

Ambiente

REGIONE: MOCERINO, FABOZZI E MARINO: PER IL DEPURATORE WISCO DI TORRE DEL GRECO IMPEGNO CONCRETO

di Teresa Petrellese
Ieri, martedi 16 novembre, in qualità di componenti della Commissione Consiliare Permanente Ambiente i Consiglieri Carmine Mocerino (UDC), Enrico Fabozzi (PD) e Angelo Marino (MPA), unitamente a tutta la commissione si sono recati a Torre del Greco per effettuare un sopralluogo presso il depuratore Wisco così come stabilito nell'ultima riunione della Commissione ambiente che aveva ospitato in audizione il Sindaco di Torre del Greco. "Non per voler polemizzare con le Ferrovie dello Stato, comproprietarie del depuratore, abbiamo dovuto riscontrare la mancanza di collaborazione e lo scarso senso di responsabilità da parte dei dirigenti delle Ferrovie che, sebbene informati e a conoscenza del sopralluogo odierno, hanno ritenuto opportuno non farsi trovare, commentano amareggiati in una nota congiunta i Consiglieri regionali Mocerino, Marino e Fabozzi." "Molto spesso, concludono i Consiglieri, la classe politica viene apostrofata come nullafacente perché non riesce a dare concrete riposte ai cittadini e a non essere vicina ai territori ma così come in questo caso la classe politica Campana è operativa ma non è messa in condizione di poter operare per l'ostruzionismo o la mancanza di collaborazione di altre amministrazioni.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 11 Marzo 2011 15:34)

Leggi tutto...

 

NAPOLINORD.IT E NANO TV AD ACERRA PER LA VISITA DI BERLUSCONI AL TERMOVALORIZZATORE, "RISOLVERO' IL PROBLEMA IN TRE GIORNI," INTANTO NAPOLI E LA SUA PROVINCIA SONO SOMMERSI DAI RIFIUTI

Guarda i video clicca sulle immagini
di Teresa Petrellese
ACERRA (NAPOLI), 28 ottobre 2010 - ''Fra tre giorni a Napoli non ci saranno piu' rifiuti''. Lo ha assicurato il premier Silvio Berlusconi in conferenza stampa ad Acerra.
BERLUSCONI SOPRALLUOGO TERMOVALORIZZATORE ACERRA
Breve sopralluogo del premier Silvio Berlusconi al termovalorizzatore di Acerra. Accompagnato dal sottosegretario Guido Bertolaso, il presidente del Consiglio poco dopo il suo arrivo e' salito all'inceneritore della centrale poco fuori Napoli ed ha visto con i propri occhi il funzionamento dell'enorme forno nel quale vengono bruciati i rifiuti tritovagliati e selezionati. Berlusconi ha quindi posto alcune domande a Bertolaso che lo ha ragguagliato sul funzionamento dell'impianto. Nel corso della visita, durata una decina di minuti, il Cavaliere si e' anche fermato brevemente con alcuni operai e con i quali si e' scattato alcune foto. Al termine del sopralluogo, il presidente del Consiglio si e'r ecato al previsto incontro al quale oltre al sottosegretario Bertolaso e' prevista la partecipazione dei 5 presidenti di provincia, del governatore Stefano Caldoro, dei 5 prefetti interessati e del sottosegretario Paolo Bonaiuti.
LA CONFERENZA STAMPA
Il premier Silvio Berlusconi durante la conferenza stampa al termovalorizzatore di Acerra, ha ringraziato le forze dell'ordine per aver dovuto sopportare le ''provocazioni'' durante le rivolte per l'emergenza rifiuti provocate ''non dalla popolazione ma da facinorosi che pare siano anche organizzati''.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 11 Marzo 2011 09:36)

Leggi tutto...

 

Chernobyl: Luci e Ombre. 4000 cancri alla tiroide, dopo il disastro, sono frutto del segreto militare?

di Roberta Valeriani
La tiroide è una vera e propria "spugna" per lo iodio, l'elemento che caratterizza gli ormoni, la tiroxina e la triiodotironina, che questa ghiandola produce, infatti, nei suoi tessuti, la concentrazione di iodio può essere sino a 500 volte quella omologa nel sangue. Sono da tempo note forme degenerative di questa ghiandola, come il cosiddetto "gozzo", endemiche in zone dove l'assunzione di tale elemento attraverso la catena alimentare è insufficiente, quasi che l'organo tenti di compensare queste carenze con un anomalo aumento di volume. Di recente, proprio per ovviare a queste carenze di assunzione alimentare, è stato introdotto in commercio il "sale marino iodato", un integratore alimentare venduto nei supermercati accanto al sale marino tradizionale. La tiroide, grande captatrice di questo elemento, non è però in grado di distinguere tra i vari isotopi, per cui se, come è avvenuto a Chernobyl a seguito del disastroso incendio di una delle locali unità nucleari, si rende improvvisamente disponibile nell'ambiente l'isotopo " 131" , prodotto radioattivo della fissione di uranio o plutonio, viene da esso assorbito come fosse una improvvisa manna caduta dal cielo. Abbiamo chiesto al Segretario del Comitato italiano per il rilancio del Nucleare (CIRN), l'ing. Giorgio Prinzi, come mai lo iodio 131 provoca questi danni alla tiroide e se è ancora pericoloso come molti sostengo.

Leggi tutto...

 

EMERGENZA RIFIUTI: CAPUTO, TROPPI SPOT IN QUESTI ANNI MA NESSUNA SOLUZIONE CONCRETA

"Troppi spot ma nessun risultato concreto. Dobbiamo avere il coraggio e la determinazione di dire che non si è mai affrontato il problema per risolverlo in maniera definitiva".

 di Teresa Petrellese

 

Lo ha dichiarato Nicola Caputo, Consigliere regionale e Presidente della Commissione Trasparenza, nel corso della sessione straordinaria della Commissione Ambiente, a cui ha partecipato l'assessore regionale Giovanni Romano, riunita per affrontare l'emergenza rifiuti. "Chiedo di avviare una fase di lavoro straordinario – dichiara Caputo - al fine di verificare quali provvedimenti concreti possa adottare il Consiglio regionale per dare un concreto contributo per risolvere definitivamente il problema dei rifiuti in Campania e per dare risposte alle popolazioni colpite dall'emergenza" "Tutta la regione deve farsi carico della grave crisi ambientale che soffrono le popolazioni delle province di Napoli e Caserta colpite dall'emergenza rifiuti.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 11 Marzo 2011 16:55)

Leggi tutto...

 

Roma. Autunno d'oro, autunno nero. Foglie secche e chiusini che problema!

di Roberta Valeriani

Brr che freddo si inizia a dire. Ma non era fino a poco tempo fa che dicevamo." Uffa che caldo?". Nell'attesa di indossare cappotti ed accendere termosifoni, godiamoci questa stagione che Pushkin, poeta russo vissuto a cavallo tra il '700 e l'800 così salutava con dei bellissimi versi "L'estate vola via veloce, avanza l'autunno dorato". L'autunno, come nessun altro periodo dell'anno sollecita una dolce malinconia tranne per i tifosi di calcio per i quali comincia una sfrenata kermesse. Lo spettacolo è suggestivo, gli alberi avvampano di ocra e di rosso, vortici di foglie secche volteggiano nell'aria e scendono a terra purtroppo... ad ostruire chiusini o tombini che dir si voglia.

Ultimo aggiornamento (Domenica 10 Ottobre 2010 08:41)

Leggi tutto...

 

Materia primordiale. Sensazionale scoperta degli scienziati dall'acceleratore più grande del mondo

di Rita De Angelis

Dal Cern di Ginevra, non sono passati neppure sei mesi dall'inizio dell'esperimento, l'acceleratore di particelle più grande del mondo, il Large Hadron Collider, ha ricreato un fenomeno che potrebbe essere molto simile alla materia del primordiale Big Bang, quello da cui si dice sia scaturito l'Universo. Questa è una delle possibilità di cui si è parlato in un seminario tenuto presso il centro svizzero. Il fenomeno è stato osservato nell'esperimento Cms (Compact Muon Solenoid), il tutto coordinato dallo scienziato italiano Guido Tonelli. "E' ancora presto - ha spiegato lo stesso Tonelli - per capire con precisione di che cosa si tratta, ci sono circa cinque o sei ipotesi diverse a confronto, ed attualmente sarebbe assolutamente prematuro trarne delle conclusioni definitive. Quello che stiamo osservando, e di cui parliamo, e' un fenomeno completamente nuovo e bisogna studiarlo in ogni minimo particolare. L'ipotesi più suggestiva ed attendibile è che possa trattarsi di qualcosa che si avvicina alla "miscela primordiale", per meglio dire il plasma di quark e gluoni che viene prodotto nei primi 20-30 microsecondi dopo il Big Bang".

Leggi tutto...

 

MURO LUCANO, UN'ESTATE SENZ'ACQUA

Sospensione del servizio di erogazione idrica tutte le sere senza preavviso

di Stefano Terracciano

L'estate è appena finita, i turisti hanno lasciato il paese, eppure a Muro Lucano la popolazione deve continuare a fare i conti con la sospensione del servizio di erogazione idrica che avviene tutte le sere. Dalle ore 20 in media e fino alle 6 del mattino successivo, infatti, non c'è disponibilità di acqua nella maggior parte delle civili abitazioni muresi. Responsabile di tutto ciò è l'Acquedotto Lucano Spa che, senza comunicati ufficiali nè comunicazioni al Comune di Muro Lucano, sospende con regolarità l'erogazione idrica nelle ore serali e notturne. Nel paese vige una paradossale rassegnazione, nessuno vuol prendersi la briga di ribellarsi ad un diktat che, pare, si ripeta nei mesi estivi già da alcuni anni. "E' una situazione assurda - dice G.T., residente in paese - che si ripete dal mese di luglio; qualche sera fa mi sono recata dai Carabinieri locali e non ho potuto esporre denuncia perché questi ultimi mi hanno posto mille difficoltà. Allora ho telefonato al numero verde che l'acquedotto mette a disposizione degli utentie, dopo essere stata trattata con sufficienza dall'operatore, sono stata contattata da un tecnico dell'azienda, il quale mi ha riferito che avrebbe parlato col referente di zona per capire il motivo della sospensione dell'erogazione idrica di quella sera. Ogni volta che telefono sembrano cascare dalle nuvole, ma ancora non sono venuta a conoscenza del motivo per cui tale situazione continua a verificarsi".

Ultimo aggiornamento (Venerdì 24 Settembre 2010 22:23)

Leggi tutto...

 

L'uomo sopravvissuto ai fulmini

di Carmela Fiorentino

Melvin Roberts e’ un uomo sopravvissuto a ben 6 colpi di fulmine i colpi di fulmine della natura non quelli amorosi. L’uomo ha 58 anni e vive nella Carolina del Sud si trovava nella sua casa a Deer Park Drive, Seneca quando l’ultimo fulmine lo ha colpito. Lui era andato in giardino per coprire il tosaerba ed un fulmine lo ha colpito in pieno, lo hanno trovato alcuni vicini e la moglie sdraiato in giardino e privo di sensi. Adesso e’ ricoverato all’Oconee Memorial Hospital.

Fatto alquanto insolito e’ che non si tratta della prima volta, non si tratta del primo spavento e nemmeno delle prime cure per cause simili. Il signor Roberts pare abbia una maledizione con i fulmini che lo perseguitano. L’ultimo lo aveva colpito nel 2007, non c’era nemmeno una nuvola in cielo eppure quando ando’ fuori in giardino per sistemare i suoi polli venne fulminato. Si risveglio ricoperto di sangue e con intorno gli animali morti stecchiti.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 04 Giugno 2012 13:11)

Leggi tutto...

 

Ambiente. Pericolo elettromagnetico: Rischi tecnologici presunti e reali

di Roberta Valeriani

L'idea del fuoco di Giordano Bruno, legato alla pira fatale, sarebbe probabilmente meno accattivante di quella di una coppia che si accinga a trascorrere delle ore di intimità davanti ad un caminetto. Eppure sempre di fuoco si tratta! Un discorso analogo si porrebbe sull'idea dell'acqua da parte di un assetato o di uno che stia per annegare. E' la dose che fa il veleno. Come si vede nulla può essere definito intrinsecamente piacevole o, addirittura salvifico. E' questione di mode o di circostanze. La stessa cosa vale per le emissioni e per i campi elettromagnetici. Se qualcuno provasse ad infilare la testa in un forno a microonde acceso, pur non ritrovandosi bruciato come Giordano Bruno, probabilmente si ritroverà con il cervello "lessato" e pronto per venir infilato in una cassa di legno, rivestita di zinco. Comunque altrettanto poco salutare sarebbe infilare la testa in un forno tradizionale a 300 gradi centigradi, forse cambierebbero solo le modalità ed i tempi del decesso. Già, però d'inverno vogliamo calore e ci lamentiamo se riteniamo che la caldaia condominiale ne eroghi in maniera insufficiente. Eppure di calore si tratta, anche se erogato con intensità e temperatura diverse. Un discorso analogo vale per i campi elettromagnetici.

Leggi tutto...

 

Il giro del mondo con veicoli elettrici?

Ora si può!

di Rita De Angelis

Giulio Verne, si ricorda per il suo romanzo il giro del mondo in 80 giorni, ma oggi la realtà si fa più intrigante e si ipotizza che sia possibile addirittura circumnavigare il mondo senza emettere gas nocivi per l'atmosfera e con veicoli elettrici. Ci hanno pensato i team di quattro diversi continenti, che in questi giorni hanno accettato di portare avanti questa impresa. Sono partiti con i loro veicoli, rigorosamente elettrici, per realizzare la gara più lunga, ma nello stesso tempo la più pulita in termini di inquinamento per il nostro pianeta, denominata "Zero Race". L'idea di dar vita a questa gara, è di Louis Palmer, che già nel 2008, con un'auto elettrica riuscì a compiere il giro del mondo impiegando ben 534 giorni.

Leggi tutto...

 

nano-tv